Seattle, spari nella comune antifascista: morto un 16enne, grave un 14enne

Seattle, spari nella comune antifascista: morto un 16enne, grave un 14enne
Il Primato Nazionale Il Primato Nazionale (Interno)

Ricoverati entrambi in ospedale, uno di loro non ce l’ha fatta, l’altro sta lottando tra la vita e la morte.

Un ragazzo di 16 anni è stato ucciso e un altro di 14 è rimasto gravemente ferito, ricoverato in terapia intensiva.

Se ne è parlato anche su altri giornali

Hanno zero rispetto per il governo, per la sindaca di Seattle o il governatore dello Stato di Washington. Oggi, Trump ha scritto su Twitter: "Gli agitatori, gli anarchici, i saccheggiatori e i 'manifestanti" si rifiutano ora di lasciare la zona 'Chop'. (QUOTIDIANO.NET)

Lo riporta la Bbc. Un ragazzo di 16 anni è stato ucciso e un altro di 14 anni è ricoverato in terapia intensiva dopo una sparatoria nella ‘Chop zone’ di Seattle la zona vicino al Congresso occupata dai manifestanti che protestano per la morte di George Floyd. (infodifesa.it)

Sarebbero stati avvistati veicoli con all'interno persone armate ma fino ad ora non ci sono state violenze. Ma se di giorno la vita della Chop Zone è stata pacifica, con tanto di mense comuni e persone rilassate nei parchi, nelle ultime notti la situazione è andata via via degradandosi. (La Repubblica)

La zona dove è avvenuta la sparatoria, la quarta in dieci giorni in città, è vicina al Congresso ed è occupata dai manifestanti che protestano per l’uccisione del 46enne afroamericano, morto durante un fermo di polizia a Minneapolis il 25 maggio scorso. (Il Riformista)

L’ospedale Harborview Medical Center ha riferito che uno dei ragazzi è arrivato alle 3.15, portato da un veicolo privato, mentre l’altro e’ stato portato dai vigili del fuoco alle 03.30. Nella ‘Chop zone’, la zona vicino al Congresso, occupata dai manifestanti che protestano per l’uccisione dell’afroamericano George Floyd, è stato ucciso un 16enne. (Avvenire)

Altra sparatoria a Seattle nella zona scelta dai manifestanti per protestare per l’omicidio di George Floyd: un ragazzo è morto, un altro è grave. Non c’è pace a Seattle, nella Chop Zone, area scelta dai manifestanti per protestare per la morte di George Floyd. (BlogLive.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti