Il giorno della pasta: con la pandemia gli italiani sono tornati anche ad ammassare

Rai News ECONOMIA

Lo ha scritto su Twitter la missione italiana alle Nazioni unite a New York, pubblicando un'immagine dedicata al tema.

Nel 2021 le esportazioni di pasta tricolore raggiungeranno il valore di 2,9 miliardi, secondo una proiezione della Coldiretti su dati Istat, con un aumento del 7% rispetto al periodo pre Covid

All'estero finisce oltre la metà (il 62%) - spiega Coldiretti - della produzione nazionale di pasta. (Rai News)

Su altre testate

Del resto il pastificio di Campobasso non è nuovo nel lancio di nuovi formati. Per portare creatività nel suo catalogo, nel 2016 Barilla lanciò il suo contest di food design per raccogliere idee per nuovi formati di pasta da realizzare con un’innovativa stampante 3D (Agrodolce)

Per la giornata mondiale dedicata alla pasta, RomaToday ha selezionato alcune delle migliori da provare a Roma. Oggi, 25 ottobre 2021, si celebra in tutto il mondo il World Pasta Day. (RomaToday)

Un milione in più rispetto al precedente record del 2019. L’Italia resta il punto di riferimento per la produzione (3,9 milioni di tonnellate), con un export da 2,4 milioni di tonnellate. (Corriere della Sera)

Un appuntamento che celebra insieme al piatto simbolo della nostra tradizione gastronomica anche la dieta mediterranea dichiarata nel 2010 dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità. A livello nazionale ne mangiamo 2 milioni di tonnellate per un valore di oltre 3 miliardi di Euro, con un consumo annuale per persona di 28 kg. (Leggo.it)

Risparmiamo tempo e denaro cuocendo la pasta grazie a questo stratagemma poco conosciuto che stiamo per descrivere. È perfetta per chi ha poco tempo a pranzo, per chi non vuole fare spese inutili e per chi desidera ridurre i propri consumi anche a fini ambientali. (Proiezioni di Borsa)

Servono, inoltre, forti investimenti in ricerca per aumentare le rese e favorire produzioni sempre più sostenibili anche in chiave ambientale. Cia pone, invece, l’attenzione sulla valorizzazione dell’origine del prodotto e sui contratti di filiera che favoriscano le produzioni domestiche, incentivando la coltivazione del grano duro Made in Italy, per andare incontro al fabbisogno dell’industria pastaria. (Sicilia Economia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr