Coronavirus, la lista dei codici Ateco. Chi può stare aperto e chi no

Coronavirus, la lista dei codici Ateco. Chi può stare aperto e chi no
Energia Oltre Energia Oltre (Interno)

Il decreto del governo è stato poi firmato dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ed entra in vigore a far data da oggi 26 marzo 2020.

Sono le novità scaturite dall’intesa tra Governo e sindacati sulle modifiche all’elenco delle attività produttive considerate indispensabili per il Paese, che possono continuare a rimanere aperte nel corso dell’emergenza coronavirus.

Su altri media

Fortemente limitate invece 5 attività: call center; ingegneria civile, produzione di plastiche; e produzione di carta. Ma nell'elenco vengono però inserite anche voci nuove. (Adnkronos)

Via libera invece alla fabbricazione di confezioni in vetro per alimenti, di batterie e pile, di macchine automatiche per l’imballaggio. Sono le novità scaturite dall’intesa tra Governo e sindacati sulle modifiche all’elenco delle attività produttive considerate indispensabili per il Paese, che possono continuare a rimanere aperte nel corso dell’emergenza coronavirus. (Il Sole 24 ORE)

Le imprese dovrebbero cercare di applicare le norme ricordando che, al momento, tutto quello che non è essenziale deve essere fermato. Instabilità che ha travolto anche i codici Ateco, approvati domenica sera (dopo un lungo negoziato, durante il quale tanti codici sono entrati papi ed usciti cardinali) e già cambiati, modificati e integrati mercoledì. (Open)

La lista delle attività che possono continuare a lavorare: i nuovi codici ateco in pdf e word. Ecco in dettaglio, codice per codice, tutte le attività produttive che possono rimanere aperte durante l’emergenza coronavirus: nell’elenco vengono riportati prima i codici ateco e poi la descrizione. (Il Reporter)

Forma Giuridica: Normativa - Decreto Ministeriale. del 26/03/2020. Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico. Dopo una lunga trattativa con i sindacati, che contestavano l’eccessiva numerosità delle attività lavorative ammesse a proseguire, il Ministero dello Sviluppo Economico ha modificato l’elenco delle attività di cui all’allegato 1 del DPCM 22/03/2020, sostituendolo con l’allegato 1 del Decreto Mise del 25 marzo 2020 , che qui pubblichiamo. (Fiscoetasse)

- ROMA, 24 MAR - "Alcune imprese stanno cambiando il loro codice Ateco per poter continuare a produrre. Il primo passo è di mettersi a lavorare sull'elenco delle attività essenziali e su quelle che ad oggi possono fermarsi per qualche giorno". (Tiscali.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti chiusi.