Letta: "Candidatura Berlusconi sbagliata, capo politico più divisivo che c'è"

Letta: Candidatura Berlusconi sbagliata, capo politico più divisivo che c'è
AGI - Agenzia Giornalistica Italia INTERNO

/ Youtube Pd Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Vista - "E' una scelta profondamente sbagliata quella del centrodestra di candidare il capo politico più divisivo che c'è.

L'atteggiamento del centrodestra finisce per rendere le cose sicuramente più difficili", così Enrico Letta nel corso riunione congiunta della Direzione nazionale e i gruppi parlamentari PD sul Quirinale.

(AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Ne parlano anche altre fonti

David Sassoli era un democratico a tutto tondo. "Per il suo lavoro era già appassionato di politica prima ancora di entrarvi. (il Giornale)

E ancora: "L'idea che che il centrodestra abbia candidato Silvio berlusconi a presidente della Repubblica è una notizia che rende visibile l'elezione del Quirinale in tutto il mondo. (Repubblica TV)

Il mio impegno è che il centrodestra sia unito da qui all'elezione del presidente della Repubblica e poi oltre". Anche Matteo Renzi fa la sua analisi: “Un candidato di centrodestra può ottenere un consenso di parte del M5s e del Pd, che non lo ha escluso. (L'Unione Sarda.it)

Quirinale: Letta, propongo a tutti largo patto legislatura

Enrico Letta detta la linea del Pd a ormai nove giorni dalla convocazione dei Grandi elettori per l'elezione del capo dello Stato. Il fatto che nel 2022 il centrodestra candidi Silvio Berlusconi alla presidenza della Repubblica rende la notizia importante per tutto il mondo. (Avvenire)

Poi la presunzione sul fatto che il centrodestra non abbia un "diritto di precedenza" per l'espressione del prossimo presidente della Repubblica. Così facendo, il vertice del Nazareno continua per la sua strada che è fatta di veti e di negazione della realtà numerica. (ilGiornale.it)

Roma, 15 gen. (LaPresse) – “Mi sento di proporre a tutte le forze politiche, sia ai nostri alleati con i quali in questo periodo è andato avanti un lavoro molto positivo di concertazione e di messa a punto delle scelte comuni, ma anche agli avversari un’iniziativa che crei un patto di legislatura, portando all’elezione di un presidente della Repubblica istituzionale, super partes e di garanzia per tutti, una scelta forte per dare energia e forza perché i prossimi 14 mesi dell’azione di governo diano risposte efficaci e che noi usiamo questi 14 mesi per completare alcune fondamentali riforme per la buona politica: nuovi regolamenti parlamentari che limitino il trasformismo e i cambi di casacca, e aggiustare la legge elettorale, tutte cose che necessitano di un accordo generale, che parta dalle forze di maggioranza a cui mi rivolgo perchè si rinnovi un patto di legislatura”. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr