Come l'11 settembre e la 'guerra al terrore' hanno distrutto il mondo arabo — L'Indro

Come l'11 settembre e la 'guerra al terrore' hanno distrutto il mondo arabo — L'Indro
Altri dettagli:
L'Indro ESTERI

Ora è comune vedere truppe o procuratori mercenari assunti da Russia, Turchia, Sudan, Iran, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Egitto e Israele attivi in ​​molti paesi arabi.

Tale militarismo è aumentato drasticamente dal 2001 e ha avviato o accelerato la lento collasso di stati arabi come Iraq, Siria, Palestina, Libano, Yemen, Libia e Sudan.

Queste debolezze strutturali in molti stati arabi sono aumentate dall’11 settembre. (L'Indro)

La notizia riportata su altri giornali

Dopo gli attentati, o per meglio dire con il pretesto degli attentati, gli Stati Uniti sono divenuti una dittatura reale. L’11 settembre del 2001 ha cambiato il mondo e gli Stati Uniti. (L'AntiDiplomatico)

L’ 11 settembre vero, quello del 2001, non era stato il primo feroce massacro di persone innocenti perpetrato da Al-Qaeda. Quindi è la ritirata dall’ Afghanistan, così mediatica e così ignominiosa, la vera commemorazione dell’ 11 settembre vero. (Famiglia Cristiana)

Non include i costi futuri del pagamento degli interessi sui prestiti di guerra dopo l’anno fiscale 2023. Ecco perché Osama Bin Laden non è riuscito a raggiungere uno dei suoi principali obiettivi dichiarati: distruggere l’economia degli Stati Uniti” (QuiFinanza)

Oltre 900mila morti e 5.800 miliardi di dollari, ecco il costo della 'guerra al terrorismo'

A stimarlo ricercatori dell'Istituto per gli affari pubblici e internazionali della Brown University di Princeton, che questo mese hanno diffuso uno studio sui costi della "guerra al terrorismo" dal 2001 a oggi. (La Difesa del Popolo)

Il Global Times ha riferito che il grande aereo da trasporto Y-20 dovrebbe passare a motori sviluppati a livello nazionale. Il J-20 ha raggiunto una credibile capacità di combattimento, maturata nel corso dei suoi dieci anni di vita. (L'AntiDiplomatico)

I dati raccolti dai ricercatori testimoniano, inoltre, che nei conflitti post 11 settembre sono morti 680 giornalisti, mentre sono 892 ad aver perso la vita tra i lavoratori delle ong. Una mancanza, questa, che dipenderebbe anche dalla suddivisione delle spese tra i vari dipartimenti di Stato (Dire)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr