Funivia, gip indica anche Codacons tra parti offese

LaPresse INTERNO

Nell’elenco delle persone offese citato nell’ordinanza della gip, oltre ai parenti delle 14 vittime e di Eitan, l’unico sopravvissuto, c’è anche l’associazione, nella persona del suo legale rappresentante pro tempore

Milano, 12 giu.

(LaPresse) – Secondo la gip di Verbania Elena Ceriotti, che ha accolto oggi la richiesta di incidente probatorio avanzata dal legale di Gabriele Tadini nell’ambito dell’inchiesta sulla strage alla funivia del Mottarone, anche il Codacons rientra tra le parti offese. (LaPresse)

Ne parlano anche altri giornali

Lunedì mattina sono convocati nell’ufficio della procuratrice Olimpia Bossi gli attuali tre indagati: il caposervizio Gabriele Tadini, il titolare della concessione Luigi Nerini, il direttore di esercizio Enrico Perocchio (La Stampa)

Gli AGGIORNAMENTI. Il piccolo EITAN ha saputo la verità sull’INCIDENTE della FUNIVIALa tragedia della FUNIVIA precipitata, al Mottarone, ha lasciato in eredità morte, dolore ma anche speranza. Lo aveva precisato anche la zia Aya: "Faremo di tutto perché i desideri di mio fratello e sua moglie per Eitan si realizzino" (iLMeteo.it)

Quella cabina è diventata una trappola mortale per 14 sui 15 passeggeri che si trovavano a bordo. Lunedì 14 giugno inizia ufficialmente il lavoro del consulente tecnico nominato dalla Procuratrice della Repubblica di Verbania Olimpia Bossi nell’ambito dell’inchiesta giudiziaria sulla tragedia della funivia del Mottarone. (ilGiornale.it)

Il provvedimento va al vaglio della Settima Commissione Il piccolo è tornato in ambulanza a casa, a Pavia, accompagnato dalla zia. (RSI.ch Informazione)

I bambini capiscono quasi tutto ciò che accade intorno a loro, talvolta ancora prima degli adulti. (la Repubblica)

Papà Amit, mamma Tal, il fratellino Tom e i bisnonni non ci sono più. Eitan scopre la triste verità: "Mamma, papà e fratellino non ci sono più". Il piccolo di soli 5 anni è quotidianamente assistito dai familiari e da un team di psicologi. (Prima Biella)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr