Vaccini: Gb, ok alla terza dose per tutti gli over 50

Vaccini: Gb, ok alla terza dose per tutti gli over 50
Giornale di Sicilia SALUTE

Ma ha avvertito che la pandemia non è ancora finita e che potranno esserci fasi "accidentate" nell'inverno

Van-Tam ha definito "incredibile" il successo garantito finora dai vaccini, con una stima di 112.000 morti e 24 milioni di contagi evitati nel Regno.

Lo hanno annunciato a Downing Street Jonathan Van-Tam, deputy chief medical officer dell'Inghilterra, e la responsabile dell'agenzia del farmaco britannica (Mhra), June Raine. (Giornale di Sicilia)

Su altri giornali

Da lunedì 20 settembre anche in Piemonte inizierà la somministrazione della terza dose del vaccino contro il Covid. Gli effetti positivi della vaccinazione sulla capacità del virus di propagarsi emergono in modo evidente dall’attuale incidenza nelle diverse fasce d’età. (Alessandria24.com)

Il Regno Unito si avvicina ai mesi invernali con un tasso di contagi che supera i trentamila casi giornalieri. «Il successo garantito finora dai vaccini è stato incredibile», ha dichiarato Jonathan Van-Tam, Deputy chief medical officer del Regno Unito, riferendo le stime sui contagi e i decessi evitati: «Possiamo contare 112.000 morti e 24 milioni di contagi scampati nel Regno Unito». (La Sentinella del Canavese)

Possono vaccinarsi tutti gli alunni a partire dai 12 anni e tutta la popolazione residente Si terrà domani, mercoledì 15 settembre, l’Open Day vaccinale presso il Camper in Piazza Lorenzo Padulo nei pressi dell’Istituto Omnicomprensivo di Torre Orsaia. (ondanews)

Influenza: conto alla rovescia per vaccinazione, 'evitare co-circolazione con Covid'

E soprattutto destinare la terza dose ai docenti fragili. Se ora i vaccini venissero distribuiti dove più servirebbero, potrebbero accelerare la fine della pandemia, inibendo l’ulteriore evoluzione delle varianti“ (Scuola & Concorsi)

Oppure se non possono fare un tampone dopo 14 giorni. Sulla quarantena da agosto valgono regole diverse per i vaccinati (con doppia dose da almeno 14 giorni) e gli altri cittadini. (ilmattino.it)

I gruppi a rischio con la massima priorità sono gli operatori sanitari (compresi gli operatori sanitari ospedalieri e quelli delle strutture di assistenza a lungo termine come case di cura, strutture residenziali sociosanitarie e socioassistenziali) e gli anziani. (ciociariaoggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr