La faida di Taurianova: il venerdì nero

La faida di Taurianova: il venerdì nero
Newz.it INTERNO

Rocco Zagari (padre di Pasquale Zagari cl.

Alla mattanza del “Venerdì nero” di Taurianova seguì una forte mobilitazione sociale e mediatica, oltre che una vigorosa reazione delle autorità politiche centrali.

Solamente quattro ore più tardi in via Grimaldi, nei pressi dell’Ufficio Postale, vengono assassinati i due fratelli Grimaldi, Giuseppe cl.

venerdì nero), in risposta all’uccisione di Rocco Zagari cl. (Newz.it)

Ne parlano anche altri giornali

Zagari si sarebbe intromesso anche nella compravendita di terreni, chiedendo somme di denaro per autorizzare l’acquisto. Ma, secondo gli investigatori, una volta scarcerato aveva ripreso a fare il capocosca dopo essere tornato a Taurianova (Ottoetrenta)

I soggetti destinatari della misura cautelare, tutti originari di Taurianova, sono:. 1. LAFACE Giuseppe, classe 1986;. 9. (miocomune)

‘29 (deceduto poi per cause naturali), Giuseppe cl. Dopo un periodo di detenzione e di sorveglianza speciale, Carmelo Zagari divenne l’esponente di maggiore rilievo (Il Reggino)

'Ndrangheta, la faida di Taurianova e la mattanza del "venerdi nero" - LA STORIA

In realtà, proprio nei primi permessi rilasciati durante la sorveglianza speciale una volta uscito dal carcere, Zagari era ritornato a Taurianova per compiere le sue attività delittuose, insieme a nuove leve della criminalità organizzata Delle 11 misure cautelari 10 sono in carcere ed una agli arresti domiciliari. (Metro)

Nel corso delle successive operazioni di perquisizione era stata rinvenuta una pistola con il relativo munizionamento, nonché altro materiale ritenuto di interesse per ulteriori approfondimenti investigativi. (ilMetropolitano.it)

L’operazione di ‘ndrangheta di questa mattina contro la cosca Zagari di Taurianova fa ritornare alla mente a trent’anni fa quando nella cittadina dell’entroterra della piana di Gioia Tauro si consumò una terribile faida. (Gazzetta di Reggio)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr