Rocio Munoz Morales svela il suo desiderio: “Ci pensiamo”

BlogLive.it CULTURA E SPETTACOLO

La modella ammette: “Ci pensiamo ma…”. E’ intervenuta recentemente ai microfoni di Tv Sorrisi e Canzoni, la splendida Rocio Munoz Morales.

La compagna di Raul Bova, showgirl e modella, è anche mamma di due figli avuti con il divo del nostro cinema.

Rocio Munoz Morales: “Terzo figlio?

La compagna di Raul Bova, Rocio Munoz Morales ha svelato in una recente intervista il suo desiderio.

“Terzo figlio?

(BlogLive.it)

Ne parlano anche altre fonti

Che poi dicono caliente ma vogliono dire mign**ta», afferma Rocío Muñoz Morales ai microfoni de «Le Iene» Inizia così il monologo dell'attrice spagnola, arrivata in Italia nel 2012 dalla vicina Spagna e ancora bersaglio di alcuni stereotipi. (Bluewin)

Raoul Bova compie 50 anni quest’anno e festeggia il suo compleanno con i suoi quattro figli e la sua compagna Rocio Munoz Morales, dalla quale ha avuto due bambine. Rocio Munoz Morales è la compagna di Raoul Bova. (Alphabet City)

Rocio Munoz Morales, monologo a Le Iene: le parole. Rocio è arrivata in Italia dalla Spagna anni fa e ha sottolineato di aver provato sulla sua pelle cosa significa essere stranieri nel bel Paese. Rocio Munoz Morales: il monologo a Le Iene. (Yahoo Eurosport IT)

«Sì, per esempio mi è capitato di difendere un attore dalla mancanza di rispetto di un regista sul set». Sono così con tutti, non saprei fingere neanche con il Re di Spagna!». (Tv Sorrisi e Canzoni)

Peccato che una parte di pubblico, negli ultimi giorni, non abbia visto di buon occhio il suo incarico a Le iene. Rocio Muñoz Morales, polemica per il monologo a Le Iene. Indubbiamente le intenzioni di Rocio Muñoz Morales erano tutt’altro che negative, ma molti telespettatori non hanno apprezzato la modalità e i toni in cui ha espresso il suo pensiero. (TuttiVip)

Chi arriva senza soldi, solo con la sua cultura, vale ancora meno. Raoul Bova e Rocio Munoz Morales sono una delle coppie più stabili del mondo dello spettacolo, il loro amore va avanti senza sosta dall’ottobre 2011 (Gazzetta del Sud)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr