Renault, cambio epocale a partire dal 2030

Alla Guida ECONOMIA

Una scelta che segue quella già intrapresa da altri marchi come Peugeot, ad esempio, ma che varrà solamente per l’Europa: in altri mercati, infatti, la casa francese sembra intenzionata a commercializzare le proprie auto a motore endotermico ancora per qualche anno mentre Dacia, almeno nel Vecchio Continente, continuerà a produrre veicoli benzina o diesel

Dal 2030 Renault produrrà solo auto elettriche. (Alla Guida)

Se ne è parlato anche su altri giornali

E non c’è da stupirsi, pertanto, se pure Renault sia particolarmente interessata a conquistare una fetta di un mercato che nei prossimi anni pare sia destinato a dominare. Negli ultimi tempi si parla sempre più di auto elettriche e questo tipo di veicoli sta conquistando pian piano tante persone (e ciò vale anche per il nostro Paese). (TuttoTech.net)

Parole di Luca De Meo, amministratore delegato della Régie. Leggi ora: Renault Astral, ci sarà una versione anche al 100% elettrica. Ultima modifica: 15 gennaio 2022 (QN Motori)

A tal proposito, soprattutto per una questione di prezzi, Dacia proseguirà a offrire anche modelli con motori endotermici dopo il 2030 “Serviranno una rete di ricarica idonea e prezzi dell’energia elettrica accettabili, alla portata”. (Auto.it)

Renault, addio ai motori termici. L'annuncio dell'addio ai motori termici da parte di Renault dal 2030 modifica la precedente strategia, dove l'elettrificazione totale era prevista per il 90% della gamma della Losanga. (Il Sole 24 ORE)

Il numero uno di Boulogne-Billancourt ha poi dettagliato i piani per il futuro di Renault, lasciando una porta aperta per le propulsioni tradizionali. (FormulaPassion.it)

Secondo quanto riportato da Automotive News, De Meo ha affermato che “Renault diventerà al 100% elettrica in Europa entro il 2030". Una scelta che dovrà comunque fare i conti con quanto proposto recentemente dalla Commissione europea, pronta a bloccare le vendite di auto con motore termico, ibride incluse, entro il 2035 (DMove.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr