Irap: ecco chi non deve pagare quest’anno il saldo e l’acconto

InvestireOggi.it ECONOMIA

34/2020, decreto Rilancio prevede l’esenzione dal pagamento dell’Irap, saldo 2019 e acconto 2020.

La scadenza avrebbe riguardato il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

L’istante, società costituita in data 1° ottobre 2019, ha stabilito nel proprio atto costitutivo che il primo esercizio sociale sarebbe durato 15 mesi, dal 1° ottobre 2019 al 31 dicembre 2020. (InvestireOggi.it)

Su altre fonti

Ti invieremo la gratuitamente la nostra famosa rassegna fiscale, e ogni tanto ti segnaleremo e-book, software e circolari che potrebbero interessarti. Come detto nel caso della società istante il «periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2019» è il primo esercizio sociale, che va dal 1° Ottobre 2019 al 31 dicembre 2020, perciò è condivisibile la soluzione proposta dall'istante (Fiscoetasse)

Se ne discute da tempo e le parti coinvolte, ivi comprese le forze di Governo, non hanno raggiunto ancora un’intesa. È estremamente probabile che la delega abbia per oggetto anche la riforma del sistema di riscossione. (Ipsoa)

Così come già avvenuto per i bilanci relativi all'anno 2019, anche per quelli chiusi al 31.12.2020 è stato disposto il differimento automatico dell'approvazione entro 180 giorni dal termine del periodo d'imposta. (Ratio Quotidiano)

La circolare fa riferimento al credito d’imposta indiretto, ossia semi-PEX, alla possibilità di calibrare l’ACE in presenza di perdite fiscali alla rilevanza ai fini IRAP degli accantonamenti a fondo TFR per le imprese IAS adopter. (Ipsoa)

Resterebbero però ancora dei grossi nodi da sciogliere, a partire dal sistema impositivo alla base del regime forfettario. Riforma IRPEF e non solo. Riforma fiscale al via: revisione scaglioni e aliquote IRPEF 9 Giugno 2021 Per quanto riguarda la riforma IRPEF, da quanto emerge dalle anticipazioni, si propone «l’abbassamento dell’aliquota media effettiva con particolare riferimento ai contribuenti nella fascia di reddito 28.000-55. (PMI.it)

Ai fini del dato su cui commisurare l'importo del I° acconto IRAP per il periodo post trasformazione, tenuto conto delle indicazioni contenute nella circolare n. 263/E del 12 novembre 1998, occorre fare riferimento all'imposta risultante dalla dichiarazione 1° gennaio - 31 gennaio 2020 (Ipsoa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr