Il disastro al cimitero di Camogli, la frana trascina in mare oltre 200 bare – Il video

Il disastro al cimitero di Camogli, la frana trascina in mare oltre 200 bare – Il video
Open INTERNO

Sul posto sono intervenuti i vigili del Fuoco della caserma di Rapallo, che hanno definito « complicato» il recupero di alcune salme rimaste Alcune bare e salme rimaste incastrate sulla scogliera

Nel pomeriggio di lunedì 22 febbraio una porzione del cimitero di Camogli, in provincia di Genova, è franata nel mare portando con sé due cappelle e almeno 200 bare.

Il crollo sarebbe stato provocato da uno smottamento dovuto all’erosione della falesia al di sotto del perimetro del cimitero. (Open)

Su altri giornali

Per la strada il Comune in passato ha fatto lavori di consolidamento, mentre la parte abitazioni a levante è da approfondire. Il recupero a mare con l’ausilio di un pontone tenendo presente il fattore tempo, nei due significati e facendo lavorare in sicurezza. (Levante News)

Altre cappelle a rischio crollo. 200 bare finiscono in mare in Liguria. Da Prima il Levante. A provocare il crollo, secondo gli esperti giunti sul posto, è stata l’erosione – aggravata dalle continue mareggiate degli ultimi anni – della falesia sulla quale poggiava l’area cimiteriale. (Prima Biella)

A Levante della falesia crollata in mare trascinando loculi, tombe di famiglia e 200 bare, c’è, un tratto di roccia su cui sono sorti dieci meravigliosi villini sul mare, con passaggio fino alla scogliera. (Levante News)

Cimitero di Camogli, riprese le ricerche dei resti dopo il crollo - Video

I vigili del fuoco sono al lavoro per il recupero: una ventina le bare recuperate per il momento, una decina i corpi, dei quali cinque già identificati. I residenti sono rimasti sconvolti dal vedere le bare dei propri cari in acqua: “Una cosa terribile – spiega Clara, una donna residente nella zona – vedere le tombe galleggiare è stato uno shock”. (LaPresse)

Nel porticciolo molte persone seguono le operazioni di recupero dei vigili del fuoco e della capitaneria. Questa mattina molte le persone che si sono riversate fuori dal palazzo del Comune di Camogli e hanno insultato il sindaco accusandolo di non aver previsto il crollo. (Primocanale)

Sono circa 200, dopo una prima conta, i feretri da recuperare in mare. Ci si domanda se si può morire due volte, il crollo di una parte del cimitero di Camogli in provincia di Genova, costruito a strapiombo sul mare sembra offrirci la risposta. (Sputnik Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr