Alessandro Zan: «Il mio Ddl? Meglio nessuna legge che averne una decapitata»

Alessandro Zan: «Il mio Ddl? Meglio nessuna legge che averne una decapitata»
Approfondimenti:
Open INTERNO

I veri riformisti non si accontentano dell”avremmo voluto fare’, ma vogliono produrre e cambiare»

Questa è la mia opinione». Alessandro Zan, deputato del Partito Democratico e primo firmatario della legge contro l’omotransfobia, si schiera in un’intervista al Foglio che sarà pubblicata domani: «Meglio non avere nessuna legge, su questi temi, che una legge fatta a metà».

Però se una legge fosse decapitata rispetto alla dignità delle persone, a quel punto sarebbe meglio nessuna legge. (Open)

Se ne è parlato anche su altri media

Cos'è e cosa prevede il ddl Zan e quali sono i punti controversi del disegno di legge? Determinanti dunque, sia per l’eventuale approvazione definitiva del ddl Zan che per la sua bocciatura, i voti dei 17 senatori di Italia viva (Gazzetta del Sud)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi! Sostieni ora. . Grazie, Peter Gomez (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Salvini Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev Ognuno ama chi vuole e fa quello che vuole e lo Stato non deve entrare in camera da letto. (Il Messaggero)

Bergamo, la storia di Chiara e Silvia spose dopo 7 anni di fidanzamento: «Sì al Ddl Zan, diritti per tutti»

«Siamo rimasti sgomenti nel leggere l’inqualificabile post della consigliera di parità – si legge ad esempio nella nota diffusa da Open Fvg –. È bufera politica sulla consigliera regionale di parità Anna Limpido. (Il Piccolo)

- Advertisement -. - Advertisement -. AgenPress – “Io do un avviso ai naviganti, meglio nessuna legge che una legge pessima, che rischia di essere discriminatoria. Lo afferma, in una intervista che sarà pubblicata domani dal Foglio, Alessandro Zan, deputato del Pd e primo firmatario della legge contro l’omotransofobia. (Agenpress)

Fidanzate da sette anni, Chiara Pizzigoni, ventinovenne di Cenate Sotto, e Silvia Albani, 36 anni, di Ciserano, si sono unite civilmente nel giardino di Villa Calini, nel Bresciano, circondate da amici e parenti «che ci hanno sempre sostenute». (Corriere Bergamo - Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr