Gli Ordini di medici e infermieri: "Giusto adottare il pugno duro"

Gli Ordini di medici e infermieri: Giusto adottare il pugno duro
Approfondimenti:
il Resto del Carlino CULTURA E SPETTACOLO

Tra gli infermieri la corsa al vaccino è stata più lenta, rispetto ai medici.

Il pugno duro dell’Ausl contro i sanitari non vaccinati non è una sorpresa, per gli ordini di medici e infermieri.

"Tra i medici la copertura vaccinale ha superato il 90% – ricorda Grossi – Ma abbiamo ancora alcuni colleghi che, per vari motivi, non intendono sottoporsi al.

Aaltri 199 infermieri e 51 medici non sono ancora vaccinati, ma hanno avuto il Covid da poco

(il Resto del Carlino)

Se ne è parlato anche su altri giornali

I restanti 20 lavorano presumibilmente alcuni per l'azienda sanitaria pordenonese, altri per le case di riposo o strutture private di vario genere. L'interruzione dell'attività dev'essere immediata, anche se il datore di lavoro non è a conoscenza della sospensione. (TGR – Rai)

Del gruppo fanno parte pensionati, dipendenti di strutture pubbliche e private e liberi professionisti Dalla sospensione dall’albo deriva l’impossibilità per questi operatori di svolgere l’attività infermieristica sia nel pubblico che nel privato. (Il Messaggero Veneto)

Il brano è accompagnato da un video girato a Londra e celebra il rito collettivo del calcio e il ritorno alla vita del post pandemia in un continente vaccinato, "dalle strade di Dublino a Notre Dame", come canta il leader della band irlandese nel pezzo dal sound pop ma con la chitarra marchio di fabbrica del gruppo irlandese e una spruzzata di dance, assicurata dal dj e produttore olandese. (La7)

Pordenone, gli infermieri non vaccinati e sospesi già fuori dai reparti - TGR Friuli Venezia Giulia

Opi Pordenone sospende 73 infermieri no vax. La vaccinazione anti Covid19 di un'infermiera. Il direttore generale dell’Asugi, Poggiana: Prenoteremo il vaccino per i no vax . (Nurse24)

«Alcuni di loro hanno potrebbero già avere trovato un ricollocamento senza essere a contatto con il pubblico, altri sono in fase di valutazione. Sono 86 i sanitari dell’Ausl di Piacenza che, al momento attuale, non si sono ancora sottoposti alla vaccinazione anti Covid senza “giustificazione”: 86 su oltre tremila operatori del mondo sanitario Piacentino. (IlPiacenza)

Gli infermieri e il dipartimento di prevenzione di Pordenone sono stati i più rapidi. Pordenone, gli infermieri non vaccinati e sospesi già fuori dai reparti. In molti erano già in pensione, le case di riposo sono invece preoccupate per la scarsità di infermieri sul mercato e la garanzia dei servizi. (TGR – Rai)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr