TASSE/ I “chiarimenti' di Draghi sulla riforma fiscale

TASSE/ I “chiarimenti' di Draghi sulla riforma fiscale
Approfondimenti:
Il Sussidiario.net ECONOMIA

Il discorso alla Camera ha confermato che centrale nella riforma fiscale dovrà essere la semplificazione.

Nel trattare della riforma fiscale, il Prof. Draghi ha affermato che la materia, mutuando esperienze di altri Paesi, dovrebbe essere affidata “ad esperti, che conoscono bene cosa può accadere se si cambia un’imposta”.

Ma questo è un tema che riguarda le società e forse al momento non è in agenda

La riforma si farà, dunque, seguendo la strada parlamentare che sappia ascoltare i temi provenienti dai diversi attori della società con un occhio alle famiglie e alle nuove generazioni. (Il Sussidiario.net)

Su altre testate

Inoltre, secondo Draghi l’IRPEF, l’imposta sul reddito delle persone fisiche, va modificata in base alle risorse che arriveranno dalla rinnovata lotta all’evasione messa tra le sue priorità. “ Una nuova architettura del sistema erariale è necessaria perché segna in ogni Paese un passaggio decisivo, indica priorità, dà certezze, offre opportunità. (la VOCE del TRENTINO)

Se accettiamo il principio che la riforma non si possa fare in disavanzo, occorre rimodulare al rialzo il resto dell’imposizione fiscale. La riforma fiscale è fondamentale, ma altissimo è il rischio che la sua attuazione finisca ostaggio di veti incrociati in Parlamento (La Stampa)

"Spesse volte ho la sensazione che una esenzione, in questo nostro beato paese, … non si rifiuti a nessuno". Così Ezio Vanoni parlò al Parlamento italiano nel 1949. E Cosciani, l'anno dopo, definiva la questione come la "vera piaga del nostro sistema". (Panorama)

Draghi, obiettivo riforma fiscale - Il Sole 24 ORE

Non è forse un caso che Draghi abbia preso come unico riferimento nel suo intervento il progetto di riforma fiscale danese presentato al parlamento nel 2008 e che prevedeva una riduzione della pressione fiscale basata su una doppia azione: «l’aliquota marginale massima dell’imposta (Il Manifesto)

Ne è risultato per tal via un inasprimento generalizzato della pressione fiscale (prevalentemente incentrato sulle fasce alte e medio-alte), che ha portato con sé la conseguenza di un ulteriore compressione del reddito disponibile. (Il Messaggero)

Se n'è parlato nel corso del videoforum del Sole 24 Ore cui ha partecipato Mauro Marè, docente di Scienza delle Finanze presso l'Università Luiss di Roma Draghi, obiettivo riforma fiscale di Marco lo Conte 22 febbraio 2021. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr