Padre e figlio alla Dakar: la bellissima e emozionante avventura dei torinesi Winkler

Padre e figlio alla Dakar: la bellissima e emozionante avventura dei torinesi Winkler
TorinoToday SPORT

Dakar 2022: l'avventura dei Winkler. Papà Winkler all'inizio aveva cercato di dissuadere il figlio dal ripercorrere le sue orme.

La Dakar è tutta diversa dal passato, sicuramente più esasperata, molto più tecnica, meno romanticismo, ma sempre la gara più dura ed esasperata.

Nella nona tappa è stato investito dalla moto di un altro concorrente (Internò, ndr) e ha dovuto saltare la tappa successiva

C’è tanto orgoglio di papà e molta emozione nel post di qualche giorno fa di Aldo Winkler che quest’anno ha vissuto una meravigliosa avventura nel deserto saudita. (TorinoToday)

Se ne è parlato anche su altri media

Dopo la puntata di ieri sera con l'ospitata a sorpresa di Franco Picco, il nostro squadrone di giornalisti torna in diretta, tra Milano e l'Arabia Saudita, per commentare la penultima tappa di una gara più che mai nel vivo. (Moto.it)

Un percorso molto articolato quello della penultima tappa, duro per la maggior parte dei piloti, ma non per il giovane crossista che ha trovato, anzi, condizioni condizioni favorevoli per la sua guida forse perché "simili a quelle di una tracciato MX al termine di una giornata di gare", ha detto. (Moto.it)

Dakar, Leonardo Tonelli: “La tappa 11? (Motosprint.it)

Dakar 2022, T11. Leonardo Tonelli: “Un incubo i primi giorni” [VIDEO]

Così, questa mattina, Aldo Winkler ha abbracciato Andrea, suo figlio, gli ha augurato in bocca al lupo e poi è andato a mettersi nelle mani dei medici, abbandonando la corsa. Il fascino dell’Africa — Quella di Aldo e Andy è una storia bellissima, quella di un padre e un figlio che decidono di correre assieme la Dakar in moto, a 24 anni dall’ultima volta del genitore. (La Gazzetta dello Sport)

“E' più impegnativa di quanto - mi aspettassi – racconta Leonardo Tonelli - e il livello è altissimo". Avevano detto che sarebbe stata la tappa più dura di tutte e così è stato (Moto.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr