L'idrogeno che viene dal mare, a che punto è la ricerca

La Repubblica ECONOMIA

Getty. Le nuove tecnologie hanno aperto la strada a un'applicazione dalle potenzialità pressoché illimitate: l'uso dell'acqua salata per l'elettrolisi, fino a poco impossibile per problemi di corrosione degli impianti

L'idrogeno che viene dal mare, a che punto è la ricerca di Pietro Mecarozzi. Impianto per la produzione di idrogeno a Fort McMurray, Alberta, Canada.

(La Repubblica)

Su altre fonti

il colosso della chimica, ha annunciato un investimento di ben 2 miliardi di euro per la produzione di idrogeno verde in Europa. INEOS sta portando avanti altri progetti in Belgio, Francia e Regno Unito e l'azienda prevede di annunciare ulteriori partnership in futuro (HDmotori)

La prima unità verrà costruita in Norvegia e sarà un elettrolizzatore da 20 megawatt per la produzione idrogeno pulito attraverso l’elettrolisi dell’acqua, alimentato da elettricità a zero emissioni di carbonio. (Corriere della Sera)

Una passo avanti da 2 miliardi per l'idrogeno verde. Lo ha annunciato il gruppo inglese Ineos, numero tre della chimica mondiale: i fondi serviranno per la costruzione di elettrolizzatori, gli impianti necessari per la produzione di idrogeno verde, a zero emissioni di carbonio (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr