Nasce il Consorzio per le Batterie Intercambiabili

InMoto ECONOMIA

Considerando l'intero ciclo di vita, un'applicazione diffusa di batterie conformi a uno standard comune supporterà l'uso secondario e l'economia circolare

Le attività del Consorzio inizieranno ufficialmente a maggio 2021 e i quattro fondatori incoraggiano tutte le aziende interessate ad aderire per arricchirne le competenze del Consorzio.

I quattro costruttori hanno firmato in queste ore una lettera d'intenti per la creazione di un Consorzio di Batterie Intercambiabili per motocicli e veicoli elettrici leggeri. (InMoto)

Su altre fonti

La pratica del “battery swap” – la sostituzione rapida di una batteria scarica con una carica presso una stazione di rifornimento – è già molto diffusa in Cina, in particolar modo se si parla di scooter o biciclette elettriche. (Tom's Hardware Italia)

Ed è un processo che è già in atto da tempo: pensiamo a quanti componenti già oggi sono condivisi, dalla ciclistica all'elettronica. Ciò che stiamo vedendo nel settore moto per certi versi è già avvenuto anche nelle bici con il boom delle e-bike. (InMoto)

Quattro grandi nomi della mobilità uniti in un consorzio, e guidati da una visione comune per fondere le competenze e rispondere alle esigenze della commissione europea nel rispetto degli accordi di Parigi e della transizione alla mobilità elettrica. (SoldiOnline.it)

L’obiettivo dell’accordo è collaborare con gli enti di standardizzazione nazionali, europei e internazionali per la definizione delle caratteristiche tecniche standardizzate del sistema di batterie intercambiabili per veicoli appartenenti alla categoria “L”, ossia ciclomotori, motocicli, tricicli, quadricicli. (inSella)

(IMAGOECONOMICA). Le società puntano a sviluppare dispositivi intercambiabili e a definire standard internazionali condivisi. (Il Sole 24 ORE)

Queste quattro aziende dunque rispondono alla necessità di portare su strada sempre più veicoli elettrici, ma anche di fornire soluzioni pratiche e vincenti ai clienti. Più volte vi abbiamo parlato dell'incredibile successo di Gogoro, dei suoi scooter elettrici e del suo sistema di scambio batterie con stazioni pubbliche. (DMove.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr