Italia-Libia, Draghi a Tripoli: "C'è voglia di futuro e di ripartire in fretta"

Italia-Libia, Draghi a Tripoli: C'è voglia di futuro e di ripartire in fretta
AGI - Agenzia Giornalistica Italia INTERNO

Palazzo Chigi Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

C'è voglia di fare, c'è voglia di futuro e voglia di ripartire in fretta".

C'è un desiderio di cominciare.

Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, nel corso della conferenza stampa dopo il suo incontro a Tripoli con il neo primo ministro del governo di unità nazionale libico Abdul Dabaiba.

Le commissioni miste in campo finanziario anche per il recupero dei crediti storici e crediti recenti sono state riavviate. (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Se ne è parlato anche su altri giornali

domiciliare (-14.949). Primo viaggio del premier Draghi in Libia. È durato poche ore il primo viaggio all’estero di Mario Draghi da presidente del consiglio. (Radio Popolare)

Mentre Draghi parlava con il proprio omologo libico, alcuni rifugiati sudanesi in Libia hanno protestato di fronte agli uffici dell’UNHCR per denunciare le violenze e i soprusi a cui sono sottoposti. (The Submarine)

Sono alcuni dei temi toccati dal presidente del consiglio, Mario Draghi, nel colloquio avuto oggi a Tripoli con il primo ministri libico, Abdelhamid Dabaiba. Lo ha dichiarato il primo ministro libico, Abdul Hamid Mohamed Dbeibah. (AGI - Agenzia Italia)

Libia, il treno inatteso per l’Occidente

La visita del premier, dicono fonti vicine al governo, "ha innanzitutto un valore simbolico" La meta del primo viaggio all’estero del premier ha un valore tre volte simbolico: diplomatico, economico e sanitario. (Sky Tg24 )

Draghi esprime "soddisfazione per quel che la Libia fa per i salvataggi" in mare e aggiunge che "il problema non è solo geopolitico ma anche umanitario. Il problema dell'immigrazione per la Libia, continua, "non nasce solo sulle coste ma si sviluppa anche sui confini meridionali. (AGI - Agenzia Italia)

La visita che Mario Draghi ha compiuto ieri in Libia rientra nella seconda categoria. Per furbizia o per sfinimento, o forse perché questa volta la mediazione dell’Onu ha funzionato, la Libia si è dotata il 10 marzo scorso del suo primo governo unitario dalla guerra del 2011. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr