Cristina Pesenti farmacista di Novara: «Ci chiedono l impossibile, rispondiamo con pazienza»»

Cristina Pesenti farmacista di Novara: «Ci chiedono l impossibile, rispondiamo con pazienza»»
Vanity Fair Italia Vanity Fair Italia (Interno)

«Quando il Ministero della Salute e Federfarma ci hanno impartito le regole igieniche da usare le abbiamo applicate subito.

È il decimo giorno di fila, senza interruzione, che la dottoressa e proprietaria della farmacia novarese lavora, il weekend scorso era di turno.

Su altre fonti

Cosa chiede alle istituzioni Federfarma, l’Associazione dei titolari di Farmacia di Bologna in questo momento? Adesso aspettiamo la risposta dello Stato per ottenere un numero di mascherine sufficiente almeno per noi farmacisti, oggi non più a disposizione. (BolognaToday)

Sono giorni davvero mai visti prima: i nostri pazienti vengono col giornale sotto braccio, passano a ritirare i farmaci, fanno una piccola spesa e poi vanno a casa». È una routine forzata e dignitosa quella a cui si sono obbligati i clienti della farmacia di Nino Annetta a Villa Gordiani, nel quartiere Prenestino a Roma (Il Messaggero)

«Siamo dei sanitari anche noi — prosegue Raciti — e la farmacia è la prima linea a cui si rivolge la gente». Siamo già con gli organici ridotti al minimo, molti collaboratori e gli stessi farmacisti sono a casa ammalati, non abbiamo personale da dedicare a questa operatività». (Corriere Bergamo - Corriere della Sera)

“Molti clienti anziani vengono tutti i giorni per chiederle e anche questo non va bene” ha sottolineato Vola. Non va bene perché c’è troppa gente che viene in farmacia per delle cose che non sono assolutamente fondamentali. (La Nuova Provincia - Asti)

Ora però il pensiero va ai famigliari e agli amici di Paolo D’Ambrogi, ai quali si stringono nel cordoglio il Comitato centrale della Fofi e tutti i farmacisti italiani”. “Ieri ci ha lasciati, a causa dell’epidemia di Covid-19, il collega Paolo D’Ambrogi, che esercitava nella sua parafarmacia di Nettuno. (IlFaroOnline.it)

La rapidità del contagio, , è stata più veloce di qualsiasi misura precauzionale. “Purtroppo – coninua Brescia – in occasione di questa epidemia da Covid19, diffusasi in maniera così rapida e generalizzata, le Farmacie hanno avuto enormi problemi nell’approvvigionarsi dei dispositivi di protezione individuale. (La ringhiera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti chiusi.