Abolire l’obbligo vaccinale: la proposta di Borghi è dettata dalla Scienza

Abolire l’obbligo vaccinale: la proposta di Borghi è dettata dalla Scienza
Articolo Precedente

next
Articolo Successivo

next
AsSIS SALUTE

Cari politici, se, come dichiarate, vi fidate della Scienza, è il momento di decidere secondo i suoi criteri. La proposta del senatore Claudio Borghi di cancellare l’obbligo vaccinale per i bambini e ragazzi è una proposta di buon senso che risponde proprio a quei criteri della medicina basata sulle prove a cui dovremmo fare sempre riferimento. La legge Lorenzin ha stabilito che i bambini non vaccinati non possano frequentare l’asilo nido e le scuole materne, intendendo così proteggere coloro che non possono vaccinarsi per motivi di salute e limitare i casi di infezioni. (AsSIS)

Su altre fonti

Cavalcare l'onda che si sta alzando da Parigi a Washington, creando un asse forte con Marine Le Pen (in foto con il segretario) e con Donald Trump. Ribadire in ogni occasione utile l'appartenenza a quel radicalismo conservatore che vuole reagire al declino dell'Occidente. (il Giornale)

La proposta della Lega di cancellare la legge Lorenzin sull’obbligo vaccinale per i bambini riaccende la contrapposizione tra scienza e teorie Novax. Alberto Villanova, per esempio, che ricopre il ruolo di capogruppo leghista in consiglio regionale, non si nasconde. (Il Mattino di Padova)

La proposta è contenuta in un emendamento alla legge sulle liste di attesa e potrebbe essere considerata inammissibile in quanto estranea alla materia del provvedimento cui dovrebbe essere collegata. (Corriere Roma)

Sanita. Decreto liste d’attesa, Snami: “Da correggere”

“L’eliminazione dell’obbligo di vaccinazione per i minori di 16 anni avrebbe l’effetto di creare una prateria per i virus e quindi di mettere in pericolo molti bambini, in particolare i più fragili. Ci auguriamo che il Parlamento blocchi questa proposta senza logica e pericolosa”. (LuccaInDiretta)

A quanto si apprende da fonti parlamentari, l'emendamento verrà dichiarato inammissibile per estraneità di materia quando, martedì mattina, si riunirà la commissione Affari sociali del Senato che sta esaminando il decreto. (la Repubblica)

“Il Decreto prevede che le prestazioni di lavoro aggiuntive dei medici siano detassate al 15% – dice Angelo Testa, presidente nazionale Snami – ma questo provvedimento, sebbene riconosca il sacrificio dei medici, si applica esclusivamente a coloro che hanno un contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL). (Impresa Italiana)