Decreto aiuti bis, via libera dal Governo. Dal “docente esperto” al bonus 200 euro per i precari: cosa cambia per la scuola [BOZZA]

Decreto aiuti bis, via libera dal Governo. Dal “docente esperto” al bonus 200 euro per i precari: cosa cambia per la scuola [BOZZA]
Orizzonte Scuola INTERNO

Il bonus di 200 euro per i lavoratori dipendenti viene esteso a coloro che non ne hanno beneficiato nella prima parte dell’anno.

Le altre misure. BONUS ENERGIA: Rafforzamento del bonus sociale per energia elettrica e gas per i clienti domestici economicamente svantaggiati e i clienti domestici in gravi condizioni di salute.

Dal “docente esperto” al bonus 200 euro per i precari: cosa cambia per la scuola [BOZZA] Di. (Orizzonte Scuola)

Ne parlano anche altri giornali

NORMATIVA, TESTO DEL DECRETO AIUTI BIS. Mettiamo a vostra disposizione il testo della bozza del Decreto Aiuti Bis (Pdf 906 Kb), in attesa della pubblicazione della norma in via definitiva sulla Gazzetta Ufficiale QUANTO GUADAGNA UN DOCENTE ESPERTO. (Ti Consiglio)

Il docente esperto dovrà rimanere nella stessa scuola per almeno tre anni. Docente esperto, il 93% dice No alla carriera degli insegnanti: “Aumentare gli stipendi a tutti e rinnovare il contratto scaduto da 4 anni” [ESITO SONDAGGIO] Di. (Orizzonte Scuola)

In Consiglio dei Ministri nella serata del 4 agosto è stato votato, nell’ambito del Decreto Aiuti bis, il provvedimento che introduce la figura del docente esperto. Come si diventa docente esperto? (Tecnica della Scuola)

Dl Aiuti bis: i sindacati della scuola bocciano la figura del «docente esperto»

“La scuola non può andare avanti con ottomila docenti esperti, dopo un percorso selettivo che dura nove anni, mentre funziona quotidianamente con centinaia di migliaia di docenti sottopagati. Prima di andarsene il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha fatto approvare dal consiglio dei ministri, all’interno del Decreto Aiuti bis, un articolo che cambia in maniera sostanziale la carriera dei docenti. (Il Fatto Quotidiano)

Un tassello in più per le riforme del Pnrr, quella della riorganizzazione del sistema scolastico e quella della formazione del personale, a pochi mesi dalla scadenza di dicembre 2022. (Tecnica della Scuola)

C'è bisogno di investimenti sulle persone per garantire un futuro migliore a questo paese che passa appunto attraverso la scuola». La critica arriva dai segretari generali di Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Gilda Unams e Snals Confsal. (FLC CGIL)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr