Pensioni: doppio assegno per un pensionato su quattro

Pensioni: doppio assegno per un pensionato su quattro
QuiFinanza QuiFinanza (Interno)

I beneficiari di prestazioni totalmente o parzialmente assistite sono 7.889.693, vale a dire il 49,3% dei pensionati totali.

Ma non è escluso che lo stop arrivi prima.

DOPPIO ASSEGNO PER 1 PENSIONATO SU QUATTRO – Numeri alla mano, infatti, nel 2018 il 67,2% dei pensionati percepisce 1 prestazione, il 24,8% dei pensionati percepisce 2 prestazioni, il 6,7% 3 prestazioni e l’1,3% addirittura 4 o più prestazioni.

La notizia riportata su altri giornali

Ci riferiamo ad affermazioni del tipo: «il 36,3% dei pensionati italiani può contare su un assegno al di sotto dei mille euro lordi, il 12,2% non supera i 500 euro. Oppure: «l’ampia disuguaglianza di reddito tra i pensionati: al quinto degli italiani con redditi pensionistici più alti va il 42,4% della spesa complessiva». (Corriere della Sera)

Queta pratica prende il nome dalla Svezia, primo paese al mondo a implementarla fin dagli anni ‘90, dove il colore della busta era appunto l’arancione. Ci troviamo a Roma dove è appena stato presentato il Settimo Rapporto sul Bilancio del Sistema Previdenziale italiano a cura del Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali. (Morningstar)

“La Commissione, va precisato, ha invece sempre valutato negativamente ‘Quota 100’”, “che Bruxelles ha sempre considerato come una retromarcia sulla riforma delle pensioni. “Non siamo d’accordo sull’anticipazione della fine di Quota 100 né sull’ipotesi del ricalcolo contributivo per chi decide di anticipare l’uscita”, spiega Roberto Ghiselli, Segretario confederale della Cgil. (Il Sussidiario.net)

La Cisal punta all’eliminazione di ogni discriminazione, soprattutto fiscale, tra Fondi complementari pubblici e privati, senza dimenticare l’annoso problema dell’effettiva separazione tra assistenza e previdenza per una gestione davvero trasparente del salario differito, di esclusiva proprietà dei lavoratori". (Il Messaggero)

Molti non hanno mai versato contributi. È importante sottolineare che nella totalità dei pensionati italiani c’è un’ampia fetta di coloro che vengono assistiti - totalmente o parzialmente - dallo Stato in quanto nell’arco della vita lavorativa non sono riusciti a garantirsi una pensione soddisfacente. (Money.it)

Ci troviamo a Roma, dove è appena stato presentato il Settimo Rapporto sul Bilancio del Sistema Previdenziale italiano a cura del Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali. “Inutile”. Guarda il video Giovani, pagate i contributi e aderite a un fondo pensione (Morningstar)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti