Governo, Renzi: “Conte? Nessuna pregiudiziale né sui nomi, né sulle formule

Governo, Renzi: “Conte? Nessuna pregiudiziale né sui nomi, né sulle formule
Il Fatto Quotidiano INTERNO

“Pregiudiziale su Conte? Non abbiamo nessuna pregiudiziale né sui nomi, né sulle formule. Noi non faremo mai i ribaltoni, non daremo mai vita a un governo con quelle forze della destra antieuropeista e sovranista che abbiamo combattuto. Questa è l’unica pregiudiziale che noi mettiamo”. Lo ha detto il leader di Italia viva, Matteo Renzi , durante la conferenza stampa in cui ha annunciato formalmente l’uscita dal governo delle ministre Bellanova e Bonetti . (Il Fatto Quotidiano)

Su altri giornali

«È molto più difficile lasciare una poltrone che aggrapparsi allo status quo. Davanti a questa crisi il senso di responsabilità è quello di risolvere i problemi, non nasconderli», ha detto Renzi poco fa. (Corriere del Ticino)

Abbiamo bisogno di nuovi investimenti, di combattere la pandemia e non di una crisi di governo», dice al Tg1. Non capisco». Salvini e Meloni chiedono elezioni. Dall'opposizione, Matteo Salvini, leader della Lega, evoca il voto: «Conte, Renzi, Di Maio, Zingaretti. (Il Messaggero)

Renzi: ''I problemi esistono da mesi''. Matteo Renzi interviene in conferenza stampa: “La crisi non è stata aperta da Italia Viva, ma esiste da mesi, serve rispetto per le regole democratiche: abbiamo chiesto di risolvere problemi nelle sedi istituzionali, non un reality show”. (il Dolomiti)

Le reazioni – Zingaretti: “Errore gravissimo contro l’Italia, ora tutto è a rischio”

Il primo screzio tra Renzi e Conte: quella battuta sul «professore» che Matteo non digerì. Durata: 00:39. Il primo screzio tra Renzi e Conte: quella battuta sul «professore» che Matteo non digerì Era il 5 giugno del 2018, al Senato si votava la fiducia al primo governo Conte - Corriere TV (Notizie - MSN Italia)

Uscita oggi la delegazione di Italia viva, il Governo deve restare comunque in carica per approvare la richiesta nel Consiglio dei ministri previsto domani o al massimo venerdì. Al Capo dello Stato il premier oggi ha riferito, salendo al Quirinale, le decisioni del Consiglio dei Ministri di ieri e lo stato dei rapporti della coalizione. (Reggionline)

Quindi anche mostra appoggio al premier: “Pieno sostegno al presidente Conte. M5S, Pd e Leu devono ora rafforzare l’intesa, stringere un patto ancora più forte e andare avanti con Giuseppe Conte nell’interesse del Paese”. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr