Cannes consacra Bellocchio con la Palma d'oro d'onore: "Premio dedicato all'Italia"

Libertà CULTURA E SPETTACOLO

Sono le parole di Marco Bellocchio, il regista piacentino che a Cannes – al termine della tre giorni a lui dedicata – riceverà dalle mani di Paolo Sorrentino la Palma d’oro d’onore del Festival, un riconoscimento importantissimo per un cineasta che da sempre ha saputo portare avanti un percorso di ricerca profonda, con uno sguardo attento rivolto ai temi sociali più importanti e divisivi.

“Non è un caso se tutta la mia carriera si è sempre svolta in Italia: ieri come oggi ho bisogno della mia lingua, della mia patria, delle cose che conosco. (Libertà)

Ne parlano anche altre testate

Il regista Marco Bellocchio star sulla Croisette con la Palma d’Oro d’onore. Per chi non l’avesse visto, è il momento di rivedere, in streaming,” Buongiorno notte”, il toccante capolavoro di Bellocchio sul rapimento dello statista Aldo Moro. (Proiezioni di Borsa)

You may be able to find the same content in another format, or you may be able to find more information, at their web site. You may be able to find more information about this and similar content at piano. (Elle)

Bellocchio ha faticato a trattenere le lacrime di fronte a una spontanea standing ovation del pubblico in sala prima della dedica: “Condivido questo riconoscimento con Elena e Pier Giorgio, i miei figli, ma anche con il produttore Simone e con Michael Piccoli che non posso dimenticare” (Libertà)

Ogni nuovo film di Marco Bellocchio è un’emozione, perché mi pone sin dai titoli di testa questa bellissima domanda: “In quale fase della guerra si trova Bellocchio?’ Fare grande cinema è il risultato di una lunga guerra che un autore ingaggia con se stesso. (Il Fatto Quotidiano)

Con grande cortesia, Marco Bellocchio opponeva al nostro corteggiamento un’umile indifferenza. Che oggi va al più importante e giovane regista che abbiamo in Italia: Marco Bellocchio” – ha aggiunto Sorrentino (piacenzasera.it)

La vita di Amy Winehouse il suo immensola sua ascesa fra le più grandi dellaglobale, stanno per diventare protagonisti di unvoluto dalla famiglia dell’artista prematuramente scomparsa. Le ho detto: Amy ti amo (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr