Talco «provoca tumori», Johnson & Johnson ferma la produzione dopo i maxi risarcimenti

ilmessaggero.it ECONOMIA

L'azienda ha preso la decisione dopo oltre 40mila azioni legali che accusano questo prodotto di contenere amianto e causare tumore.

Nel 2021 la Corte Suprema degli Stati Uniti condannò l'azienda a risarcire 2,12 miliardi di dollari, in una sentenza a favore di 22 donne che sostenevano di essersi ammalate di cancro dopo aver utilizzato talco per bambini contenente amianto

Risarcimenti milionari da 2,12 miliardi di dollari. (ilmessaggero.it)

Su altre testate

Il borotalco Johnson & Johnson è veramente cancerogeno? Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla vicenda e se il talco Johnson & Johnson è veramente cancerogeno. (Money.it)

La decisione è arrivata dopo che la società ha già fermato le vendite negli Stati Uniti e in Canada nel 2020. Tuttavia la pubblicità contro il prodotto ne ha danneggiato a tal punto le vendite che è bene chiuderne definitivamente la catena di produzione. (Liberoquotidiano.it)

Infatti, il colosso farmaceutico ha deciso di interrompere la produzione del suo talco per bambini dal 2023. L’azienda Johnson & Johnson si ritrova in una condizione disastrosa in merito a questi ultimi accadimenti che ne hanno segnato, inevitabilmente, la strategia produttiva. (ZON)

Il conglomerato sanitario ha sempre sostenuto che i suoi prodotti a base di talco sono sicuri. Johnson & Johnson (NYSE:JNJ) ha dichiarato che a partire dal 2023 interromperà la vendita a livello globale dei suoi prodotti in polvere per bambini a base di talco. (Yahoo Notizie)

"Nell'ambito di una valutazione globale del nostro ventaglio di prodotti, abbiamo preso la decisione di produrre un talco interamente a base di amido di mais", si legge nella nota di Johnson and Johnson. (L'Unione Sarda.it)

Potrebbe interessarti anche: “Serie A, un algoritmo ha previsto la classifica finale” Il borotalco Johnson & Johnson non sarà più venduto dal colosso americano a partire dal prossimo anno. (Napoli.zon)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr