Dietrofront del governo sui treni, torna il distanziamento a bordo

Dietrofront del governo sui treni, torna il distanziamento a bordo
AGI - Agenzia Italia AGI - Agenzia Italia (Interno)

Con una nuova ordinanza, il ministro ha ribadito l'obbligo del distanziamento e l'obbligo dell'uso di mascherine.

' arrivato il no del ministro della Salute, Roberto Speranza, all'allentamento a bordo dei treni ad Alta velocità delle misure di contenimento dell'epidemia da coronavirus, annunciato venerdì con una serie di precisazione da parte del Mit.

Su altri media

E' giusto – aggiunge poi – che sui treni restino in vigore le regole di sicurezza applicate finora. Lo studio prevede l'arruolamento di 90 volontari sani, 45 adulti e 45 anziani, dai 18 agli 85 anni di età. (San Marino Rtv)

Questi sono i due principi essenziali che, assieme al lavaggio frequente delle mani, dobbiamo conservare nella fase di convivenza con il virus”. 01 agosto 2020 a. a. a. ROMA (ITALPRESS) – “E’ giusto che sui treni restino in vigore le regole di sicurezza applicate finora. (LiberoQuotidiano.it)

Divieto di cambiare posto e poi, ovviamente, autocertificazione e misurazione della temperatura prima di salire e mascherina sempre sul volto una volta a bordo. Treni, D'Amato (Lazio): si dà messaggio sbagliato. (Il Messaggero)

Dopo l'annuncio di Trenitalia e Italo del ripristino del 100% della capienza sui treni ad alta velocità, il ministro della Salute Speranza ha firmato una nuova ordinanza con la quale "ribadisce che in tutti i luoghi chiusi aperti al pubblico, compresi i mezzi di trasporto, è e resta obbligatorio sia il distanziamento di almeno un metro che l'obbligo delle mascherine". (San Marino Rtv)

"È giusto che sui treni restino in vigore le regole di sicurezza applicate finora - spiega il ministro - Non possiamo permetterci di abbassare il livello di attenzione e cautela. Viene così ripristinato il distanziamento interpersonale di almeno un metro, caduto da ieri sui treni ad Alta Velocità che sono tornati a viaggiare a pieno carico. (Ferrovie.info)

Tanto da costringere il ministero della Salute a intervenire e a tirare il freno, soprattutto alla luce degli ultimi numeri in risalita della curva dei contagi. “È giusto che sui treni restino in vigore le regole di sicurezza applicate finora – ha spiegato il ministro Speranza – Non possiamo permetterci di abbassare il livello di attenzione e cautela. (QuiFinanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr