Mauro Bellugi morto a 71 anni. Aveva subito l’amputazione delle gambe per il Covid

Mauro Bellugi morto a 71 anni. Aveva subito l’amputazione delle gambe per il Covid
Corriere della Sera INTERNO

Addio a Mauro Bellugi: l’ex difensore dell’Inter, a cui erano state amputate le gambe in seguito a complicazioni del Covid, è morto a Milano all’ospedale Niguarda dove era rimasto sempre ricoverato.

«Prenderò le protesi di Pistorius», aveva detto subito dopo l’operazione, con quello spirito e quella forza d’animo che tanti gli avevano invidiato.

Ho giocato anche con Bologna e Napoli ma la mia famiglia è stata l’Inter, l’Inter è nel cuore»

Poi era stato purtroppo colpito da trombosi che avevano costretto i medici ad amputargli, il 13 e il 20 novembre, entrambe le gambe. (Corriere della Sera)

Se ne è parlato anche su altri media

Questa la decisione presa dalle autorità del calcio per commemorare l’ex calciatore dell’Inter Mauro Bellugi, scomparso stamani a 71 anni dopo una lunga battaglia contro il covid-19 che lo ha costretto a vedersi amputare le gambe. (Fiorentina.it)

Si era saputo da qualche ora che Mauro Bellugi aveva subìto l'amputazione di entrambe le gambe, lo aveva comunicato sui social un suo amico che è anche un bravissimo giornalista, Luca Serafini. Morto Mauro Bellugi, a novembre gli erano state amputate le gambe per il Covid 20 Febbraio 2021. (La Repubblica)

Anche Bearzot in Argentina lo volle pure per fare gruppo e tenere alto il morale. Era davvero eccezionale. (Tuttobolognaweb)

Rampanti ricorda Bellugi: "Stopper determinato, era sempre allegro"

I nerazzurri sono scesi in campo indossando il lutto al braccio. English Version Versi Bahasa Indonesia 日本語版 Versión Española (Inter Sito Ufficiale)

Spazio anche al derby della Madonnina in programma domani, pure nel ricordo di Bellugi che da interista giocò tante sfide con i rossoneri. Clicca sotto per guardare (TUTTO mercato WEB)

Ma anche sempre allegro, simpatico, un giocherellone. Un'emozione anche se non è una cosa che amo" (Torino Granata)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr