Uber si espande in Italia: siglato accordo con IT Taxi

Finanzaonline.com ECONOMIA

Se vuoi aggiornamenti su Uber si espande in Italia: siglato accordo con IT Taxi inserisci la tua email nel box qui sotto: Iscriviti Si No Acconsento al trattamento dei dati per attività di marketing

La società ha siglato una partnership con IT Taxi, il più grande servizio di trasporto taxi in Italia, un accordo che mira a rafforzare la presenza di Uber nel Paese.

L'accordo consentirà ai 12.000 tassisti di IT Taxi di accettare corse attraverso l'app di Uber, coprendo 90 città in tutto il Paese. (Finanzaonline.com)

Se ne è parlato anche su altre testate

Si tratta infatti di un contratto siglato tra due enti privati che coinvolge, lato taxi, esclusivamente i tassisti aderenti al consorzio. La partnership riguarderà oltre 12 mila taxi del consorzio ItTaxi, che avranno la possibilità di lavorare con la piattaforma Uber per aumentare le loro opportunità di business. (Start Magazine)

Questo grazie all’accordo raggiunto tra Uber Italia e il consorzio itTaxi, a cui aderiscono ben 12.000 tassisti in tutto il Paese. ACCORDO UBER – IT TAXI: LE REAZIONI. A poche ore dall’annuncio dell’accordo tra Uber Italia e il consorzio itTaxi, il sindacato UNICA TAXI FILT CGIL ha espresso le proprie perplessità pur riservandosi di esaminare i termini della partnership quando saranno resi noti (SicurAUTO.it)

Nel 2015, una sentenza del Tribunale di Milano aveva tacciato l’app di ride sharing di concorrenza sleale A fine marzo un accordo molto simile era stato raggiunto con i tassisti di New York. (Wired Italia)

Ma le altre associazioni milanesi sono contrarie: "Le differenze restano, loro operano senza regole" (La Repubblica)

Questo consentirà ai clienti Uber nel mondo, quando saranno nelle nostre città, di essere dirottati sulla nostra applicazione. Il servizio sarà attivo a partire da Roma entro giugno e poi anche Milano. (La Sicilia)

Sono passati sette anni e quella siglata ieri da ItTaxi è più di una pace: è un'alleanza. In sette anni i tassisti hanno fatto quello che non avevano fatto nei settanta anni precedenti. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr