Aehra: un nuovo brand per le auto elettriche premium

AlVolante ECONOMIA

Così si presenta il nuovo marchio automobilistico Aehra, ossia la startup italo-statunitense che vuole sfruttare al massimo la tecnologia e le potenzialità dei veicoli elettrici e della guida autonoma, per inserirsi nel mercato delle auto della prossima generazione.

Le prime due vetture dell’azienda saranno rispettivamente una suv e una berlina: saranno presentate nel corso del 2022, con le loro prime consegne previste nel 2025. (AlVolante)

Ne parlano anche altri media

Risponde Nada: "Sul mercato ci sono molti produttori cinesi e americani di piattaforme e subcomponentistica in grado di soddisfare ogni necessità. È su questo che stiamo spingendo molto: i nostri veicoli esprimeranno l’emozionalità del design italiano, sposando l’efficienza aerodinamica". (Quattroruote)

L'amministratore della società, Hazim Nada e il co-fondatore Sandro Andreotti, in questo loro programma sono supportati da un team altamente specializzato composto da ingegneri e designer Aehra è una start-up Milanese presente nel settore della mobilità sostenibile, con l'intento di rivoluzionare il mercato delle auto elettriche d'alta gamma. (La Gazzetta dello Sport)

L’obiettivo di AEHRA è quello di dare vita a modelli elettrici che portino in dote più stile rispetto ai modelli che fanno parte oggi di questo segmento, sviluppati da società del calibro di BMW, Mercedes e Porsche solo per citarne alcune. (FormulaPassion.it)

Hanno identificato un'opportunità significativa per sconvolgere il mercato creando auto sofisticate dall'eleganza italiana, che - almeno nelle loro intenzioni - finalmente ottimizzeranno i vantaggi offerti dal design dei veicoli elettrici ridefinendo l'esperienza automobilistica. (Avvenire)

La startup italiana si chiama Aehra: dalla sede di Milano parte la sua avventura nel mondo delle vetture a zero emissioni. I modelli di Aehra. Le vetture di Aehra saranno concepite sulla base della razionalizzazione degli spazi (Virgilio Motori)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr