I democratici hanno in programma di accelerare il disegno di legge sui diritti di voto, accelerare un confronto

I democratici hanno in programma di accelerare il disegno di legge sui diritti di voto, accelerare un confronto
Più informazioni:
Cuore Blucerchiato ESTERI

Ma mentre sostengono la legge, almeno due senatori democratici, Kirsten Cinema dell’Arizona e Joe Mancin III del West Virginia, hanno detto che non si uniranno a un simile sforzo.

“Dodici mesi fa questo presidente ha detto che il dissenso non dovrebbe portare alla secessione”, ha detto.

Molti democratici chiedono al partito di utilizzare la sua maggioranza per imporre un cambio di regola e ridurre quel limite a una maggioranza semplice. (Cuore Blucerchiato)

Su altri giornali

oe Biden ha ammesso di non essere sicuro che le leggi a tutela dei diritti di voto siano approvate dal Congresso, dopo che la senatrice dem Krysten Sinema ha annunciato che non appoggerà la prova di forza per cambiare le regole dell' ostruzionismo in Senato allo scopo di farle passare superando il boicottaggio dei repubblicani. (RagusaNews)

Nel giorno della commemorazione dell’assalto al Congresso, il presidente aveva utilizzato il messaggio agli americani per accusare Trump, pur senza nominarlo, in quello che era parso un inconsueto attacco istituzionale. (AGI - Agenzia Italia)

Ad ogni modo, senza Cinema e Mansion, tutti gli sforzi su questo tema da parte di Biden e del leader della maggioranza, Chuck Schumer New York, condannata I senatori democratici rappresentano molti più elettori dei senatori repubblicani, un punto spesso sollevato dai sostenitori dello stallo delle riforme. (Generazione Scuola)

Usa, la lotta per ripristinare il diritto di voto | il manifesto

"La risposta sincera a Dio e': non so se possiamo farcela". (Tiscali.it)

Tutti i 50 democratici al Senato sostengono il disegno di legge; I repubblicani l’hanno respinta come una superficialità federale. Joe Mancin – ha difeso il cosiddetto Philipster, per il quale 10 repubblicani avrebbero dovuto presentare un disegno di legge equamente diviso al Senato 50-50. (SannioPage)

Il paese si affaccia con trepidazione alla stagione elettorale (le mid term per il controllo del Congresso avranno luogo a novembre) che culminerà con le presidenziali che nel 2024 dovrebbero decidere la partita ancora aperta col trumpismo. (Il Manifesto)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr