Costa Concordia 10 anni dopo, Curcio: «Ricordo il primo sos, quella tragedia mi ha segnato»

Costa Concordia 10 anni dopo, Curcio: «Ricordo il primo sos, quella tragedia mi ha segnato»
Altri dettagli:
Il Mattino INTERNO

Fabrizio Curcio, capo del dipartimento della Protezione Civile, ripercorre il film di una tragedia che “ha insegnato tanto sia dal punto di vista umano che tecnico”.

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati

«Dagli errori al riscatto.

APPROFONDIMENTI .

Con il naufragio della Costa Concordia il nostro Paese ha dimostrato di saper reagire al meglio ad un disastro che avrebbe messo in ginocchio chiunque». (Il Mattino)

Ne parlano anche altri media

Il comando di bordo, a quel punto, ammette che la nave era in distress. Ecco perché si dice che il conflitto di interessi interferisce con la buona amministrazione (Liberoquotidiano.it)

Il relitto della Concordia, della compagnia di navigazione Costa Crociere, è stato sollevato e rimorchiata fino a Genova nel luglio del 2014 per la demolizione In serata si tiene una fiaccolata dalla chiesa di Giglio Porto alla lapide commemorativa posta sul Molo di Levante. (Euronews Italiano)

Il cuoco e il cappellano, chi erano i calabresi a bordo della Costa Concordia. Erano 34 i calabresi secondo la prima lista dei passeggeri diffusa dalla Costa Crociere nelle ore immediatamente successive. (LaC news24)

Costa Concordia, a 10 anni dal naufragio prosegue il monitoraggio ambientale

Finché la nave rimane in assetto, cioè dritta, è possibile ammainare le scialuppe di salvataggio con le persone e l’equipaggio a bordo senza problemi. De Falco, all’epoca dei fatti, era capitano di fregata e capo della sezione operativa della Capitaneria di porto di Livorno. (Lifestyleblog)

Il senatore Gregorio De Falco ha accettato di ripercorrere la tragica “notte del Giglio” a Non Stop News su RTL 102.5 con Giusi Legrenzi, Enrico Galletti e Massimo Lo Nigro. Costa Concordia, la telefonata Schettino-De Falco. (Thesocialpost.it)

Oltre ai risarcimenti delle parti civili, al comune di Isola del Giglio venne riconosciuto anche il risarcimento del danno ambientale finalizzato al ripristino dei fondali marini. Mentre passando davanti all’isola del Giglio eseguiva l’inchino, avvicinandosi alla terraferma, la Costa Concordia urtò gli scogli alle 21.45 del 13 gennaio 2012. (Icona Clima)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr