Peste suina: divieto di trekking, mountain bike, pesca e altre attività in 114 Comuni

Peste suina: divieto di trekking, mountain bike, pesca e altre attività in 114 Comuni
La Gazzetta dello Sport INTERNO

Peste suina africana: come è arrivata in Italia —. Tra Liguria e Piemonte, le zone interessate dall’ordinanza, nei giorni scorsi sono state trovate sette carcasse di cinghiali che erano stati contagiati dalla peste suina, per questo è subito scattato l’allarme

In caso di epidemia, gli animali colpiti dalla peste suina, infatti, vanno abbattuti perché anche quelli che riescono a superarla poi restano portatori del virus per circa un anno. (La Gazzetta dello Sport)

Se ne è parlato anche su altri giornali

I casi di peste suina africana (Psa) riscontrati nei giorni scorsi in alcuni cinghiali tra Piemonte e Liguria hanno attivato misure precauzionali alle frontiere di Svizzera, Kuwait e in Oriente (Cina, Giappone e Taiwan) dove è stato dato un temporaneo stop, ha annunciato Confagricoltura, all’import di carni e salumi made in Italy È arrivato così il divieto di ogni attività venatoria salvo la caccia selettiva al cinghiale nella zona stabilita come infetta da Peste suina Africana. (Livesicilia.it)

Allarme peste suina in Italia: stop a caccia, raccolta funghi e trekking. Il ritrovamento di carcasse di cinghiali infetti tra l'alessandrino e le province di Genova e Savona ha portato allo stop all'export di carne fresca e alimenti derivati verso alcuni Paesi: Giappone, Taiwan, Serbia e Cina (Fanpage.it)

Nel documento originale stilato dal Ministero della Salute, d'intesa con il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, bloccava tutto per 12 mesi È allarme in Italia per la diffusione della peste suina africana. (Primocanale)

'Peste suina, allarme per il primo caso su un cinghiale'

La peste suina è pericolosa per l’uomo? Cos’è la peste suina africana. (Il Riformista)

Permessa solo la caccia selettiva al cinghiale, come strumento per ridurre la popolazione in eccesso e rafforzare la rete di monitoraggio sulla presenza del virus. Nell’area interessata sono anche vietate le altre attività di interazione –diretta o indiretta– coi cinghiali infetti. (Luce)

“La peste suina è una grave emergenza sanitaria ed è arrivata anche in Piemonte con il primo caso riscontrato su un cinghiale. Si ravvisa infine la necessità di avviare iniziative comuni a livello europeo perché – conclude Prandini – è dalla fragilità dei confini naturali del paese che dipende l’elevato rischio di un afflusso non controllato di esemplari portatori di peste” (Il Friuli)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr