Hong Kong, la Cina approva la legge sulla sicurezza nazionale. Wong si dimette per protesta: «Così è stato di polizia»

Hong Kong, la Cina approva la legge sulla sicurezza nazionale. Wong si dimette per protesta: «Così è stato di polizia»
Open Open (Esteri)

E ha lanciato l’appello alla comunità internazionale di «continuare a parlare a favore di Hong Kong e intensificare gli sforzi per difendere il nostro ultimo pezzo di libertà».

«Hong Kong prenderà le necessarie contromisure nell’ipotesi di sanzioni da parte degli Stati Uniti», ha detto la governatrice di Hong Kong Carrie Lam.

Su altre testate

I casi più lievi, invece, saranno giudicati a Hong Kong da giudici scelti dalla governatrice Carrie Lam, una mossa che di fatto distrugge l’indipendenza giudiziaria che dal 1997 vige in città. (Tempi.it)

L’attivista pro-democrazia Joshua Wong si dimette da Demosisto. La Cina approva la legge sulla sicurezza nazionale su misura per Hong Kong con un voto all’unanimità del Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo, ramo legislativo del parlamento di Pechino (Sky Tg24 )

Hanno così preso parte ad alcune videochat, rispondendo in diretta alle domande poste dalla popolazione. Avranno così modo, dopo la fine del lockdown, di incontrarsi con le autorità e con la popolazione del cantone più colpito dalle conseguenze della pandemia. (RSI.ch Informazione)

La Cina approva la legge sulla sicurezza nazionale tarata per Hong Kong: lo riportano i media dell'ex colonia britannica, riferendo i lavori del Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo, ramo legislativo del parlamento di Pechino (Il Messaggero)

L’attivista pro-democrazia Joshua Wong su Twitter ha spiegato che la nuova legge imposta dalla Cina “segna la fine della Hong Kong che il mondo conosceva. L’incubo peggiore per i cittadini di Hong Kong si è realizzato. (Il Riformista)

Le reazioni. Il governatore di Hong Kong, Carrie Lam, ha affermato durante la conferenza stampa settimanale che l’ex colonia britannica prenderà le “necessarie contromisure nell’ipotesi di sanzioni da parte degli Stati Uniti”. (Il Primato Nazionale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr