Maradona, messa nella casa-museo: tanti fan in preghiera per Diego

Maradona, messa nella casa-museo: tanti fan in preghiera per Diego
Il Mattino SPORT

Una casa che é un pezzo di storia, l’inizio della gloriosa storia di Diego Armando Maradona.

Anche lí, gli amanti di Maradona hanno voluto lasciare il segno, con una messa in ricordo del Pibe a un anno esatto dalla sua scomparsa, il 25 novembre di un anno fa.

Nei giorni scorsi, gli ex compagni della nazionale di Diego e anche sua figlia Dalma hanno fatto visita alla casa-museo che é il vero punto di partenza della vita di Maradona. (Il Mattino)

Ne parlano anche altri media

Il mito, le maglie, le magie, le vittorie e un numero, l’eterno “10”, rivivono da oggi su un dolce nato per celebrarne il nome e le gesta E oggi viene celebrato. (La Gazzetta dello Sport)

Il 25 novembre del 2020 Diego Armando Maradona è scomparso, eppure il suo volto immortale è rimasto scolpito con ancor maggiore forza e vigore nell’immaginario collettivo dell’intero Pianeta. E’ stato il più grande calciatore di sempre, ma è impossibile e riduttivo rubricare e incastonare Diego nel semplice alveo dell’Universo sportivo. (Calcio News 24)

Altre fiaccolate sono in programma per questa sera all’ esterno dello stadio, dove è stata esposta la statua che ricorda il campione, e nel quartiere si San Giovanni a Teduccio, dove campeggia un grande murales che lo ricorda. (Edizione Napoli)

Maradona, il ricordo di chi l'ha vissuto. Piscedda: «Non lo marcavo, gli correvo dietro. Fuori dal campo era un generoso» ESCLUSIVA

I tifosi del Boca, Ferlaino, De Laurentiis, Maradona Jr…. Arrivo al murales e mi trovo davanti, sotto qualche goccia di pioggia, un Corrado Ferlaino trafelato, ma sorridente. A un anno dall’ultimo saluto, Napoli lo ha ricordato in una giornata grigia e piovosa, colorata dalle bandiere e dai canti dei ‘bosteros’. (SerieANews)

Oggi un anno fa si spegneva Diego Armando Maradona e le iniziative per ricordarle in giro per la città sono state tantissime. Ultime notizie calcio Napoli - Una giornata intensa sin dalle prime ore del giorno per i tifosi del Napoli. (CalcioNapoli24)

Per gli appassionati del gioco più bello del mondo è il caso di scomodare la religione, almeno in questo caso. Tra i tantissimi, queste sono le parole di Massimo Piscedda, difensore della Lazio nel corso dei mitici anni ’80: «Io di Diego ricordo che più che marcarlo gli correvo dietro, anche se non lo prendevo mai (Calcio News 24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr