Tour de France 2022, Guillaume Martin: “Ci saranno tappe mitiche. Meno crono, meglio per me”

SpazioCiclismo SPORT

Lo stesso vale per quella di Hautacam nei Pirenei, che sarà particolarmente interessante perché sarà l’ultima tappa di montagna del Tour de France.

Il transalpino ha poi commentato più nel dettaglio il percorso: “Chi dice pavé, dice Nord e dice Cofidis.

Infine, il corridore francese ha detto la sua anche sul Tour de France femminile: “Era un po’ un’incongruità non avere un Tour femminile prima del 2022

Ho anche l’impressione che ci siano meno tappe per i velocisti e un bel po’ di frazioni in cui invece potrebbe arrivare la fuga”. (SpazioCiclismo)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Più che un giro di Francia è un bel giro d'Europa, che partirà dalla Danimarca, a Copenhagen, passando però anche per Belgio e Svizzera, e attraverserà anche qualche tratto di pavé della Roubaix. Ripartiremo da Lourdes con l'Aubisque e il Col de Spandelles prima di salire al traguardo di Hautacam. (il Giornale)

Il Direttore sportivo della squadra olandese, Richard Plugge, ieri ha analizzato in generale il percorso del secondo grande giro della stagione, riconoscendo l’importanza di avere una formazione completa: “Ci sarà un po’ di tutto. (SpazioCiclismo)

Briand ha sottolineato che la giovane “ha riconosciuto la pericolosità del suo comportamento”. Proprio per questo motivo oggi la giovane è comparsa in Tribunale dove il procuratore pubblico Solenn Briand ha chiesto quattro mesi con la condizionale. (Ticinonews.ch)

La tappa del Granon è sulle strade su cui mi alleno quando sono sulle Alpi. Sono strade che conosco alla perfezione, è una delle tappe che mi fa sognare di più” (SpazioCiclismo)

«Il tracciato mi piace molto e penso che già nella prima settimana ci saranno delle opportunità per corridori come me Mi sembra che ci sia un po’ di tutto nella prima settimana. Penso che sarà veramente uno spettacolo molto bello per il pubblico a casa e anche molto impegnativo per noi. (TUTTOBICIWEB.it)

Il Tour de France maschile, come già noto, partirà il 1° luglio dalla super ciclabile Danimarca con una cronometro individuale a Copenhagen, la città più bike-friendly del mondo. Sulle Alpi si scaleranno, tra gli altri, Col de la Croix, Galibier, Granon, Croix de Fer e tornerà l’Alpe d’Huez, sede di arrivo della dodicesima tappa (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr