Artigiani, commercianti e liberi professionisti: differimento delle scadenze di pagamento

Euroconference LAVORO ECONOMIA

Sono, pertanto, differiti alla data del 15 settembre 2021 i termini di versamento delle somme dovute:. a titolo di saldo per l’anno di imposta 2020 e di primo acconto per l’anno di imposta 2021 della contribuzione calcolata sul reddito d’impresa ai fini Irpef dai soggetti di cui all’articolo 1, L.

335/1995, e che producono reddito ai sensi dell’articolo 53, comma 1, Tuir

233/1990;. a titolo di saldo per l’anno d’imposta 2020 e di primo acconto per l’anno d’imposta 2021 della contribuzione calcolata sul reddito ai fini Irpef dai soggetti iscritti alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, L. (Euroconference LAVORO)

La notizia riportata su altri giornali

C'è, poi, un altro 'palettò, imposto dal decreto Sostegni, all’inizio dell’anno: l’aiuto sarà concesso soltanto a chi potrà vantare il requisito della regolarità contributiva. (La Sicilia)

C’è tempo quindi per effettuare i versamenti dovuti entro il 31 ottobre 2021 Buone notizie per i lavoratori autonomi iscritti all’Inps e per i professionisti iscritti alle Casse private. (Corriere della Sera)

Tasse Scatta l'esonero contributivo per autonomi e professionisti Pubblicato su sito del ministero del Lavoro, risorse per 2,5 miliardi. Condividi. L'esonero contributivo per i lavoratori autonomi iscritti all'Inps ed i professionisti associati alle Casse private entra in vigore: è stato, infatti, pubblicato sul sito del ministero del Lavoro il decreto interministeriale che disciplina la misura da 2,5 miliardi. (Rai News)

Mercoledì 28 Luglio 2021, 16:36. Per accedervi occorre avere un reddito 2019 fino a 50.000 euro e un calo del fatturato annuo 2020 almeno del 33% (ilmessaggero.it)

Sei un nuovo cliente? Attiva. * È possibile attivare la promozione una sola volta (Il Sole 24 ORE)

IPA/Fotogramma. Critica sulle tempistiche Confcommercio: "Il decreto interministeriale pubblicato oggi - dopo oltre due mesi di attesa - reca la data del 31 luglio come termine per la presentazione dell'istanza di riconoscimento del beneficio, a pena di decadenza dallo stesso" ed "è di tutta evidenza che tale termine non consentirebbe ai soggetti interessati di accedere ad un diritto riconosciuto loro dall'ultima legge di bilancio, tanto più alla luce del fatto che ad oggi l'Inps non ha ancora reso disponibile lo schema di domanda richiamato dal decreto in questione" (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr