Eitan, unico sopravvissuto al Mottarone, è stato dimesso dall’ospedale. Torna a casa con zia

Corriere della Sera INTERNO

Questa mattina, 10 giugno, il piccolo è stato dimesso dal reparto Isola di Margherita ed è tornato in ambulanza a casa a Pavia, accompagnato dalla zia Aya.

La prognosi è di 60 giorni ed Eitan proseguirà il percorso terapeutico dal punto di vista psicologico ed effettuerà future visite di controllo

Dopo 19 giorni di ricovero in ospedale Eitan Moshe Biran, il bambino israeliano di 5 anni sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, ha lasciato il Regina Margherita di Torino. (Corriere della Sera)

Se ne è parlato anche su altri giornali

E mentre proseguono le indagini, il piccolo Eitan, unico sopravvissuto all’incidente, è venuto a conoscenza della triste verità: "Sta lentamente apprendendo quello che è accaduto, attraverso la famiglia e gli psicologi che gli sono accanto". (Prima Biella)

Il bimbo di soli 5 anni è l’unico sopravvissuto della tragedia della funivia Stresa-Mottarone in cui hanno perso la vita 14 persone. Dopo 19 giorni di ricovero, il piccolo Eitan, l’unico sopravvissuto della tragedia del Mottarone, è stato dimesso dall’ospedale dove era stato trasportato in seguito all’incidente. (Yeslife)

Un bimbo, anche quando è talmente piccolo da non avere gli strumenti adatti per verbalizzare ciò che prova o per rispondere alle mille domande che gli attraversano la mente, sente, vive e percepisce molto bene gli stati d'animo confusi, la gioia, la tristezza o l'ansia delle persone care (la Repubblica)

Mottarone, il consulente che può svelare cosa è successo davvero sulla funivia

Proseguirà il percorso terapeutico dal punto di vista psicologico ed effettuerà future visite di controllo. È stato dimesso questa mattina dal reparto Isola di Margherita dell'ospedale Regina Margherita Eitan, il bambino unico sopravvissuto all'incidente della funivia del Mottarone (RSI.ch Informazione)

– La Procura di Verbania avvia gli accertamenti tecnici irripetibili analizzando telefoni cellulari, computer, chiavette Usb in uso ai tre indagati per la strage del Mottarone e il software che funzionava da «scatola nera» per la cabina della funivia precipitata il 23 maggio, la numero 3. (La Stampa)

Questa mattina il bambino è stato dimesso dall’ospedale Regina Margherita di Torino e ha fatto ritorno in ambulanza a casa della zia Lunedì 14 giugno inizia ufficialmente il lavoro del consulente tecnico nominato dalla Procuratrice della Repubblica di Verbania Olimpia Bossi nell’ambito dell’inchiesta giudiziaria sulla tragedia della funivia del Mottarone (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr