“Amici delle persone con demenza: verso una società inclusiva”

“Amici delle persone con demenza: verso una società inclusiva”
Vita SALUTE

Mario Possenti, segretario generale della Federazione Alzheimer Italia, con l’intervento “Persone e Comunità, insieme contro lo stigma” illustrerà le numerose iniziative “dementia friendly” realizzate in Italia, a partire da quella delle “Comunità Amiche delle Persone con Demenza”.

Chiuderà la mattinata Cristina Carpinelli, giornalista di Radio24, che oltre a moderare l’incontro porterà anche la sua testimonianza professionale su cosa significa essere Amica delle Persone con Demenza nel campo dei media in un intervento dal titolo “Demenza, le parole per raccontarla”. (Vita)

Su altre fonti

La ricerca danese non determina l’incidenza del rumore come fattore certo ma riesce a porre l’attenzione verso i possibili fattori di rischio come quelli ambientali Di questi 31.219 con patologia di Alzheimer, circa 8.000 persone con demenza vascolare, più di 2.000 persone di demenza collegata alla malattia di Parkinson. (SaluteBuongiorno)

Su 1,8 milioni di persone-anno a rischio, i ricercatori hanno individuato 1.143 soggetti con demenza incidente. L’incidenza grezza di demenza ogni 10.000 persone-anno era di 4,8 casi nelle persone con elevati livelli di stimolazione cognitiva sul lavoro e 7,3 casi in quelle con bassi livelli di stimolazione. (Quotidiano Sanità)

– L’impatto neurologico dell’infezione da Covid-19 sul cervello può aumentare la probabilità che una persona sviluppi una forma di demenza, ma anche accelerare i sintomi e peggiorare le condizioni della malattia. (EOS Sistemi avanzati scrl)

Anziani: Il consumo di alcol in eccesso provoca effetti negativi e favorire il morbo di Alzheimer

È quanto afferma una recente ricerca presentata all’edizione 2021 dell’Alzheimer Association International Conference, che rileva una stretta correlazione tra Covid-19 e demenza. Le prime ricerche concordano nel ritenere questo danno cerebrale una conseguenza diretta non tanto dell’invasione del cervello da parte del virus, quanto dell’infiammazione che ne consegue (Clicmedicina)

Advertisement. X Mese Mondiale Alzheimer: uno studio rivela che l’impatto del Covid-19 può accelerare i sintomi della demenza. Advertisement. Nel mondo ogni 3 secondi una persona sviluppa una forma di demenza: attualmente sono 55 milioni le persone colpite, destinate a diventare 139 entro il 2050. (politicamentecorretto.com)

Infine, l’intossicazione può aumentare il rischio di lesioni alla testa, esse stesse contribuenti ai sintomi cognitivi e alla demenza. Un’unità dipende dalla quantità di alcol puro in un dato volume e può essere calcolata per specifiche bevande qui (Corriere Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr