Covid, Iss: «Rischio contagio dieci volte più basso tra vaccinati»

Covid, Iss: «Rischio contagio dieci volte più basso tra vaccinati»
Approfondimenti:
Corriere della Calabria SALUTE

l rischio di contrarre il Coronavirus si abbassa nettamente se si è vaccinati.

Senza vaccini in aumento il rischio varianti. «Il vaccino» anti-Covid, «quando somministrato con l’intero ciclo – è scritto inoltre nell’aggiornamento delle “Faq” – è efficace a proteggere la popolazione

È quanto emerge in sintesi dal nuovo aggiornamento delle “Faq” sui casi Covid-19 registrati tra i vaccinati, elaborato dall’Istituto superiore di sanità (Iss). (Corriere della Calabria)

Se ne è parlato anche su altre testate

“In questi casi, l’incidenza, però, (intesa come il rapporto tra il numero dei casi e la popolazione), è circa dieci volte più bassa nei vaccinati rispetto ai non vaccinati. (Virgilio Notizie)

In questi casi, l'incidenza, però, (intesa come il rapporto tra il numero dei casi e la popolazione), è circa dieci volte più bassa nei vaccinati rispetto ai non vaccinati”. Variante Delta, i sintomi del contagio dopo il vaccino (Sky Tg24 )

Questi numeri se letti correttamente, quindi, ribadiscono quanto la vaccinazione sia efficace”. In questi casi, l’incidenza, però, (intesa come il rapporto tra il numero dei casi e la popolazione), è circa dieci volte più bassa nei vaccinati rispetto ai non vaccinati. (Livesicilia.it)

Covid, l’Iss chiarisce: “Possono verificarsi casi nei vaccinati, ma incidenza dieci volte più bassa”

"Il vaccino protegge dal virus?". In questi casi, l’incidenza, però, (intesa come il rapporto tra il numero dei casi e la popolazione), è circa dieci volte più bassa nei vaccinati rispetto ai non vaccinati”. (il Dolomiti)

Ecco appunto il "paradosso" sul quale l'Istituto superiore di sanità ci tiene a far luce. «I sistemi di sorveglianza, inoltre - spiega l'Iss - non rendono evidenti i casi di malattia evitati dalla vaccinazione, ma fanno emergere solo quelli che si ammalano malgrado la vaccinazione». (LaC news24)

In gruppi di popolazione con una copertura vaccinale altissima, la maggior parte dei casi segnalati si potrebbe così verificare in soggetti vaccinati, solo perché la numerosità della popolazione dei vaccinati è molto più elevata di quella dei soggetti non vaccinati”. (IVG.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr