Incendio nel Beneventano, scuole chiuse. Allarme dei sindaci: restate in casa

Incendio nel Beneventano, scuole chiuse. Allarme dei sindaci: restate in casa
Fanpage.it INTERNO

Incendio nel Beneventano, scuole chiuse.

Domani, giovedì 14 ottobre, le scuole resteranno chiuse.

"Nella giornata di domani, Giovedì 14 Ottobre 2021, tutte le scuole di ogni ordine e grado del territorio comunale di Airola resteranno chiuse" si legge

Scuole chiuse ad Airola. Intanto, è stato anticipato, in una nota, che domani, giovedì 14 ottobre, le scuole ad Airola, di ogni ordine e grado, rimarranno chiuse proprio a causa dell'incendio. (Fanpage.it)

La notizia riportata su altri giornali

Dall’area escono ancora i mezzi dei pompieri impegnati a spegnere gli ultimi focolai e a mettere in sicurezza la struttura. La nube, infatti, rilascerà verosimilmente materiale di ricaduta sui terreni e sulle colture agricole circostanti, contaminando gli allevamenti animali e quelli da pascolo (NTR24)

Nube tossica fino a Napoli: aria irrespirabile. L’alta colonna di fumo nero si è alzata in cielo ed è visibile anche a diversi chilometri di distanza, città di Napoli compresa. Scuole chiuse, danni ingenti, finestre chiuse per evitare di respirare aria tossica e un vigile del fuoco ricoverato in ospedale per intossicazione. (Il Riformista)

Non sono state coinvolte persone nell’incendio e le cause sono ancora da accertare da parte degli inquirenti Al lavoro i tecnici dell’Arpac che dovranno monitorare la qualità dell’aria. (EdizioneCaserta)

Nube tossica da Airola a Napoli, l'Ordine dei Biologi scrive ai sindaci: «Allerta massima per la salute»

Questa struttura sarà necessaria per stabilizzare e successivamente rimuovere con l’elicottero la cabina nei prossimi giorni Oggi le squadre hanno iniziato la costruzione di una struttura in tubi d’acciaio nell’area dove sono posizionati i resti della funivia. (MI-LORENTEGGIO.COM.)

La nube nera spinta del vento nel Napoletano. Sono arrivate segnalazioni del fumo e della puzza di bruciato da diverse zone del Napoletano: da Volla, Ercolano, Torre del Greco, ovviamente da gran parte del Nolano. (Positanonews)

A sostenerlo è il presidente dell'Ordine nazionale dei Biologi Vincenzo D'Anna che in serata ha. La nube tossica che si è sprigionata dal'incendio che ha devastato il deposito di materiale plastico della ditta Sapa ad Arpaia, nel Beneventano al confine con la provincia di Caserta, e che sfruttando i venti si è estesa nel raggio di alcuni chilometri verso il nolano e da qui fino a Napoli, «rappresenta un grave pericolo per la popolazione». (ilmattino.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr