Decreto Sostegni bis: in bozza 11,6 miliardi dote fiscale a banche, assist più forte a Mps-UniCredit

Decreto Sostegni bis: in bozza 11,6 miliardi dote fiscale a banche, assist più forte a Mps-UniCredit
Finanzaonline.com ECONOMIA

Questo “tesoretto nascosto”, come lo chiama il Sole 24 Ore, ai bilanci di fine 2020 vale, secondo i calcoli di Deutsche Bank, circa 11,6 miliardi per gli istituti italiani (contro i 10,8 precedenti).

Una dote fiscale di 11,6 miliardi, che riguarda, è bene precisarlo tutte le banche italiane e che, nel caso specifico di un deal tra UniCredit e Mps, sarebbe pari a 3,4 miliardi circa, 1,1 miliardi in più rispetto alla norma vigente

Nell’articolo dal titolo “Banche, la dote sale a 11,6 miliardi. (Finanzaonline.com)

Su altre testate

Se si considerano tutte le agevolazioni e il “pacco dono” allegato a Mps che riceverebbe il potenziale acquirente velo oltre 7 miliardi di euro Nel caso di Mps si tratterebbe di un credito che sale da 2 a 3,2 miliardi di euro. (Zazoom Blog)

Mediobanca: “Un vantaggio soprattutto per Unicredit, Mps e Carige”. Registrati sul sito, entra nell’area riservata e richiedila selezionando la voce “Voglio ricevere la newsletter” nella sezione “I MIEI SERVIZI” (FocusRisparmio)

3' di lettura. Nel grande risiko bancario italiano spunta un ingrediente che sembra disegnato ad hoc per rendere più appetibile Mps agli occhi dell’unico acquirente credibile sul mercato, ovvero UniCredit; che può permettere a sua volta alla banca guidata da Andrea Orcel di trasformare il più possibile in “oro” ciò che oggi è una perdita; e che, in ultima analisi, è destinato a fare da propellente al consolidamento di tutto il settore. (Il Sole 24 ORE)

Banca Mps | il Tesoro alza di un miliardo la dote per i potenziali acquirenti Attesa per la reazione di Unicredit La borsa intanto ci crede

Tre anni dopo ha comprato i lotti adiacenti, mettendo insieme cinque proprietà per un totale di 35,87 milioni di dollari. Ha iniziato comprando una villa con quattro camere da letto e un ranch per 8,7 milioni di dollari. (Yahoo Finanza)

'Rileviamo - si legge - una diversa collocazione della Presidenza, che dallo stabile di prima assegnazione in Via San Pietro all'Orto, viene spostata in Largo Cairoli. La scelta e' caduta su un immobile alle spalle di Via Veneto, a pochi passi dalla ex sede storica della Bnl, un altro matrimonio fallito per Siena (Borsa Italiana)

La dote fiscale di 11,6 miliardi riguarda, è bene precisarlo, tutte le banche italiane e, nel caso specifico di un deal tra UniCredit e Mps, sarebbe pari a 3,4 miliardi circa, 1,1 miliardi in più rispetto alla norma vigente. (Finanzaonline.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr