Bitcoin, crolla il mercato: la Cina chiude le mining farm

SmartWorld ECONOMIA

Per non parlare dell’aspetto finanziario e speculativo, tutti fattori di cui la Cina, “culla” dei bitcoin, è perfettamente consapevole

La stima è una riduzione dell’estrazione di bitcoin del 90% nell’area cinese, e le ripercussioni sul mercato delle criptovalute non si sono fatte attendere.

Bitcoin, chiusura mining farm in Cina: perché. La stretta della Cina – che rappresenta circa il 65% della produzione mondiale di criptovaluta – non è, come detto, arrivata inaspettata. (SmartWorld)

Se ne è parlato anche su altri giornali

“Mi spiace dirlo, ma sembra che il bear market di $BTC sia confermato,” ha commentato. Bitcoin (BTC) sta “confermando” un bear market a causa di whale che continuano a spostare grandi quantità di BTC sugli exchange. (Cointelegraph Italia)

L’FBI ha recuperato parte dei Bitcoin pagati per il riscatto. In realtà, i 75 Bitcoin del riscatto sono stati in gran parte rintracciati e infine sequestrati. L’FBI americana è infatti riuscita ad effettuare un sequestro di criptovalute con pochi precedenti e in tempi davvero celeri. (Cyber Security 360)

Neo ha aggiunto:. Bitcoin (BTC) è "molto vicino al bottom" e la prospettiva a lungo termine rimane rialzista, ha affermato la società Stack Funds. (Cointelegraph Italia)

Tuttavia, un miner di Bitcoin crede che il divieto in Cina sia una “notizia fantastica. Leggi il testo completo su Cointelegraph (Investing.com)

Secondo il Global Times, lo ricordiamo, un terzo delle attività di mining a livello globale è situato in quest'area. Inoltre, si teme sempre un aumento del riciclaggio di denaro e del finanziamento di attività criminali (Ticinonline)

La caduta libera del Bitcoin sembra non interrompersi più, abbattuta anche la barriera dei 30K dollari da metà aprile il valore della criptovaluta principale è sceso di oltre il 50%, dal record di 65K dollari. (Nicola Porro)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr