Il 'caso Verbania' è finito davanti al Csm

Il 'caso Verbania' è finito davanti al Csm
Approfondimenti:
AGI - Agenzia Italia INTERNO

Quelli di Verbania che annunciano uno sciopero e l'Unione delle Camere Penali che torna a chiedere la separazione delle carriere in magistratura.

Subito dopo nelle polemiche si è inserita la voce della difesa dell'imprenditore Luigi Nerini che sta valutando un'istanza di 'legittima suspicione'.

Prima a far sentire la propria voce dunque la Camera Penale di Verbania che ha deliberato l'astensione dalle udienze per il 22 giugno. (AGI - Agenzia Italia)

La notizia riportata su altri media

Non l’aveva presa benissimo la Procuratrice Olimpia Bossi, anzi: “Prendevamo il caffè insieme, per un po’ lo berrò da sola”. (Il Riformista)

In data primo febbraio 2021 la giudice Ceriotti era stata infatti esonerata dalla sue funzioni di Gip per quattro mesi, quindi fino al 31 maggio scorso. (Il Fatto Quotidiano)

cronaca. Si allungano i tempi dell'incidente per convalida dei fermi. (TG La7)

Il Csm trova il diversivo: la funivia

La cosa fa torto anche al presidente del tribunale di Verbania, indicato, implicitamente, come disponibile a farsi, con facilità, condizionare da un altro magistrato. Marchioni assicura anche “il massimo apprezzamento al giudice Banci per il lavoro fatto in questi anni” e, aggiunge, “riteniamo che anche la procuratrice Olimpia Bossi svolgerà al meglio le indagini”. (Azzurra TV)

La decisione è stata presa per una questione di «equa e coerente distribuzione del lavoro» da Luigi Maria Montefusco, il presidente del tribunale di Verbania Le difese degli imputati avevano definito «anomalo» e senza precedenti la sostituzione della gip che aveva scarcerato Luigi Nerini, Enrico Perocchio e Gabriele Tadini. (Ticinonline)

Il Consiglio indagherà sulla sostituzione del gip che gestiva il procedimento sulla strage. Silenzio invece sugli altri scandali della categoria: dai dossier anonimi alla massoneriaDi cosa si preoccupa il Csm? Della presunta loggia Ungheria? Degli strani dossier arrivati nelle redazioni dei giornali (La Verità)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr