Maneggiare con cura il caso Kaliningrad: a Bruxelles si cerca una soluzione per evitare il disastro (di A. Mauro)

Maneggiare con cura il caso Kaliningrad: a Bruxelles si cerca una soluzione per evitare il disastro (di A. Mauro)
Per saperne di più:
L'HuffPost INTERNO

Le sanzioni europee contro Mosca prevedono che Kaliningrad, l’exclave russa situata tra Baltico, Polonia e Lituania, sia esclusa dalle misure restrittive, tranne che per “le merci non vietate”, recita il testo approvato dai 27 Stati dell’Ue.

Ma ora che Vilinius ha bloccato il transito su ferro e su gomma per acciaio e minerali ferrosi, nelle capitali europee l’allarme è rosso

(L'HuffPost)

Se ne è parlato anche su altre testate

Nauseda ha poi difeso la decisione di bloccare il transito dalla Russia all'exclave di Kaliningrad via Lituania delle merci sottoposte alle sanzioni dell'Ue: "Stiamo solo attuando le sanzioni, che sono state imposte dall'Unione Europea, e questo non ha nulla a che vedere con le relazioni bilaterali tra la Russia e la Lituania. (Adnkronos)

«Un'altra minaccia russa alla Lituania - dichiara Zelensky - un'altra ondata di pressione energetica, un'altra serie di bugie dei funzionari russi sulla crisi alimentare sono tutti argomenti per concordare il settimo pacchetto di sanzioni». (ilGiornale.it)

Prosegue, invece, la processione di Zelensky per sollecitare i vari Stati, alcuni piuttosto riluttanti, ad imporre sanzioni alla Russia “A Kaliningrad – sostiene Borrell – non c’è un blocco. (Secolo d'Italia)

Kaliningrad, Mosca alza la tensione con L'Ue. La Finlandia: "Pronti a combattere se attaccati"

Dopo la sconfitta dell’impero tedesco nella prima guerra mondiale, però, la Prussia orientale con Konigsberg al centro fu staccata dallo stato tedesco. Il rischio di una terza guerra mondiale si fa sempre più reale dopo la decisione della Lituania di bloccare il corridoio di Suwalki. (InvestireOggi.it)

Anche a Bruxelles qualcuno la pensa allo stesso modo "Sono sicuro che la Ue si sia semplicemente dimenticata di noi", ha detto Anton Alikhanov, il presidente della regione di Kaliningrad. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Nei giorni scorsi il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, aveva convocato l’incaricata d’affari dell’Ambasciata lituana a Mosca, Virginia Umbrasene, per chiedere l’immediata revoca delle sanzioni «La possibile risposta alle restrizioni imposte dalla Lituania al transito delle merci nella regione di Kaliningrad sarà pratica e non diplomatica». (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr