Il rischio di trombosi rare non aumenta con la seconda dose di AstraZeneca

Ticinonline ECONOMIA

Uno studio, finanziato e condotto dall'azienda anglo-svedese e pubblicato sulla prestigiosa rivista medica The Lancet, ha osservato che i rischi di eventi trombotici rari non sono aumentati con la seconda dose del vaccino Vaxzevria.

Spiegano gli autori: «Sono stati inclusi anche tutti gli eventi con sindrome trombotica trombocitopenica (Tts) che si sono verificati entro 14 giorni dalla somministrazione della prima o dalla seconda dose del vaccino AstraZeneca fino al 30 aprile». (Ticinonline)

Ne parlano anche altre testate

Tuttavia, anche se diminuisce il livello degli anticorpi, le cellule B e T potrebbero proteggere molto bene dalla malattia grave» Mercoledì 28 Luglio 2021, 20:49 - Ultimo aggiornamento: 29 Luglio, 09:56. (ilmessaggero.it)

I dati d’altra parte sembrano darle ragione: un’analisi del database che raccoglie le reazioni avverse post-vaccino Vaxzevria (condotta da esperti della stessa farmaceutica) indica che il già bassissimo rischio di coaguli di sangue non aumenta dopo la somministrazione della seconda dose. (Wired.it)

"Al 25 aprile si stima che circa 5,6 milioni di persone hanno ricevuto in Europa il ciclo completo del vaccino" Vaxzevria*. "Sono stati inclusi anche tutti gli eventi con sindrome trombotica trombocitopenica (Tts) che si sono verificati entro 14 giorni dalla somministrazione della prima o dalla seconda dose del vaccino AstraZeneca fino al 30 aprile", spiegano gli autori. (Yahoo Notizie)

Nello specifico sono stati analizzati i casi di trombosi segnalati entro 14 giorni dalla somministrazione della prima o della seconda dose fino al 30 aprile scorso LO STUDIO DA OXFORD. Lo studio pubblicato su The Lancet, come detto, è basato sull’archivio di sicurezza globale di AstraZeneca (Il Sussidiario.net)

Fortunati i richiami Astrazeneca, gli unici ad avere la possibilità di saltare la fila. Tantissimi gli under 20 in coda per la prima dose Pfizer (l'Immediato)

Nell’analisi, tuttavia, non sono stati identificati fattori di rischio specifici o cause definitive per la trombosi indotta dalla vaccinazione Questo stesso tasso è pari a 8,1 casi per milione di vaccinati dopo la prima somministrazione. (Scienze Fanpage)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr