Bungee jumping: mamma si lancia nel vuoto ma la corda non è legata, morta davanti ai tre figli

Bungee jumping: mamma si lancia nel vuoto ma la corda non è legata, morta davanti ai tre figli
leggo.it ESTERI

Una donna di 33 anni, mamma di tre figli tutti minorenni è morta durante un salto sportivo estremo "a volo libero con la corda".

Gli osservatori hanno affermato che il salto è stato autorizzato prima che un organizzatore avesse il tempo di fissare la corda su un albero.

La donna si è schiantata sul terreno sottostante ed è stata trascinata per qualche metro prima di sbattere contro un muro.

Prima del tragico salto, Yevgenia e la sua amica avevano pubblicato "Vivilo" e "Voleremo". (leggo.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Del video-prova rimangono impresse le urla dell'amica che avrebbe dovuto saltare dopo di lei e ha assistito alla tragica morte dall'alto. Yevgenia lascia tre figli, tutti al di sotto dei 14 anni: uno non biologico, ma probabilmente adottato da un parente deceduto tempo prima. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

La donna si è schiantata sul terreno sottostante ed è stata trascinata per qualche metro prima di sbattere contro un muro. Prima del tragico salto, Yevgenia e la sua amica avevano pubblicato "Vivilo" e "Voleremo". (ilmessaggero.it)

L’incidente è avvenuto a causa di un ancoraggio sbagliato delle imbracature di Yevgenia Leontyeva a un albero. Pochi passi sul cornicione del tetto di un hotel a Karaganda, in Kazakistan, poi un balzo nel vuoto e la morte (Fanpage.it)

Bungee jumping: mamma si lancia nel vuoto ma la corda non è legata, morta davanti agli occhi dei tre figli

La 33enne Yevgenia Leontyeva è morta mentre faceva bungee jumping. Il finale peggiore. La donna sarebbe stata trascinata per qualche metro prima di sbattere contro un muro (Liberoquotidiano.it)

Una donna di 33 anni, madre di tre figli, è morta dopo essere saltata con il bungee jumping. Nel video si nota un uomo che fissa le cinghie dell’imbracatura e un altro che, fuori dalla telecamera, dice: «Ti amo». (BlogSicilia.it)

Prima del tragico salto, Yevgenia e la sua amica avevano pubblicato "Vivilo" e "Voleremo". Gli osservatori hanno affermato che il salto è stato autorizzato prima che un organizzatore avesse il tempo di fissare la corda su un albero. (Leggo.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr