Covid, immunità di gregge domestica: i familiari vaccinati proteggono i bambini

Covid, immunità di gregge domestica: i familiari vaccinati proteggono i bambini
Approfondimenti:
IL GIORNO ESTERI

Nelle famiglie con una persona immunizzata, i non protetti avevano una riduzione dal 45% al ​​61% del rischio di contrarre Covid-19.

"I familiari senza immunità avevano un rischio inferiore, da -45% fino a -97%, di contrarre Covid all'aumentare del numero di compagni di vita immuni.

Durante un periodo di follow-up medio di 26,3 giorni, il 5,7% dei componenti non immuni dei nuclei analizzati ha ricevuto una diagnosi di Covid. (IL GIORNO)

La notizia riportata su altre testate

I ricercatori della Umea University e della Uit - UiT The Arctic University of Norway hanno usato i registri nazionali considerando tutti gli individui presumibilmente immunizzati o perché avevano contratto il virus o perché vaccinati, e i rispettivi nuclei familiari, composti in media da 2 a 5 persone. (L'HuffPost)

"Senza fare previsioni spericolate, possiamo affermare che questi segnali ci fanno essere cautamente ottimisti per i prossimi mesi. Covid in Italia, il fisico Sestili spiega perché possiamo essere ottimisti per l’autunno e l’inverno Il fisico Giorgio Sestili ha spiegato a Fanpage. (Fanpage.it)

Gran Bretagna, rapporto parlamentare: "La prima risposta al Covid è stata fallimentare"

Moderna e J&J: "Sì a richiamo vaccino con mezza dose"/ "Più benefici che rischi". Famiglie di vaccinati proteggono bambini da Covid: la cosiddetta «bolla». Le famiglie composte da adulti vaccinati proteggono i bambini dal Covid-19. (Il Sussidiario.net)

E nonostante il Paese sia stato uno dei primi a sviluppare un test per il Covid nel gennaio 2020, ha «sprecato» il suo vantaggio. La gestione della prima fase della pandemia nel Regno Unito è stata uno dei peggiori fallimenti della salute pubblica: lo denunciano i parlamentari britannici in un rapporto. (Gazzetta di Parma)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr