Superlega, quale sorpresa? Il Consiglio di Lega ne avrebbe parlato a febbraio

Più informazioni:
Viola News SPORT

Infatti, come si legge:. "Niente riunioni carbonare.

Il Consiglio della Lega di Serie A ha discusso lo scorso 16 febbraio - due mesi prima dei comunicati stampa che ne hanno annunciato urbi et orbi la nascita ufficiale - del progetto di Superlega raffrontandolo con quello della Superchampions.

E con ogni probabilità analoghe discussione stavano avvenendo in Premier League, Bundesliga e Liga"

Il progetto non era top secret, ma sarebbe stato discusso più di due mesi fa in assemblea. (Viola News)

La notizia riportata su altri media

La Lega Serie A sapeva della Superlega già molto prima della notte in cui le 12 squadre fondatrici ne annunciassero la nascita con un comunicato congiunto. E quasi certamente lo stesso sarebbe avvenuto anche in Spagna, Germania e Inghilterra (Sport Fanpage)

A rivelarlo è Il Sole 24 Ore che spiega come dietro all’istituzione della nuova competizione non ci sia stato nessuna trama ordita alle spalle da Andrea Agnelli e gli altri. E con ogni probabilità analoghe discussione stavano avvenendo in Premier League, Bundesliga e Liga, come si evince dal verbale riservato di quella riunione che Il Sole 24 Ore è riuscito a visionare”, si legge. (Fcinternews.it)

La Serie A era al corrente del progetto Superlega. Il Consiglio della Lega Serie A era al corrente della Superlega. Come riportato dal Sole 24 Ore, il 16 febbraio in una riunione con Dal Pino, De Siervo, Giulini, Percassi, Scaroni, Setti, Lotito e Marotta si parlò già del progetto di riforma delle competizioni internazionali. (RomaNews)

La Serie A sapeva della Superlega dal 16 febbraio: Percassi presente

Il Consiglio della Lega di Serie A ha discusso lo scorso 16 febbraio – due mesi prima dei comunicati stampa che ne hanno annunciato urbi et orbi la nascita ufficiale – del progetto di Superlega raffrontandolo con quello della Superchampions. (fiorentinanews.com)

Insomma, per essere un «golpe» o una sedizione «carbonara», il piano della Super League era piuttosto conosciuto e noto nell'ambiente calcistico. Il 16 febbraio, infatti, Butti partecipa al Consiglio di Lega con una documentazione molto dettagliata: slide, calendari, impatto economico e corporate governance. (Tuttosport)

Questa la notizia lanciata nelle ultime ore da Il Sole 24 Ore: secondo il quotidiano, il tema sarebbe stato trattato in consiglio di Lega Serie A al quale avrebbero partecipato, oltre al presidente Dal Pino e l’ad De Siervo, i consiglieri con diritto di voto Giulini (Cagliari), Percassi (Atalanta), Scaroni (Milan) e Setti (Hellas Verona), ma anche quelli senza diritto di voto in quanto consiglieri federali, cioè Lotito (Lazio) e Marotta (Inter). (Calcio Atalanta)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr