Scream: tornare a Woodsboro | Recensione

Scream: tornare a Woodsboro | Recensione
Orgoglio Nerd CULTURA E SPETTACOLO

Ed è così che il quinto capitolo riesce davvero a recuperare l’anima del primo, diventando un’operazione riuscita.

Per il resto, questo quinto capitolo di Scream ci ha lasciato decisamente convinti

Undici anni dopo l’ultimo film, la saga di Scream torna in sala con un quinto capitolo.

Il quinto capitolo che arriva oggi nelle sale ha capito benissimo questo concetto, tanto da ribadirlo direttamente al pubblico. (Orgoglio Nerd)

Ne parlano anche altre testate

Non ha avuto nulla a che fare con i film della saga, ma ne condivideva i temi e la violenza E undici anni dopo l'ultimo film, la serie di Scream espande ancora i suoi orizzonti. (ilGiornale.it)

Quello che faceva e accadeva a Stab era quello che faceva e accadeva alla saga di Scream. Nonostante la storia sia quella che ci si aspetta, cioè a Woodsboro qualcuno vestito da Ghostface comincia a commettere omicidi, quello che tutti i (BadTaste.it)

In ogni film della saga di Wes Craven vengono quindi discussi i cliché degli horror, e in modo particolare la loro applicazione alla realtà di Scream. Scream 4. Dimension Films HD Ghostface in Scream 4. (NoSpoiler)

Sassari: giorni senza notizie dei parenti, personale senza tregua e il telefono del pronto soccorso squilla a vuoto

Il nuovo Scream da una parte è un omaggio al grande regista scomparso nel 2015 e un’operazione nostalgia proprio come Ghostbusters: Legacy soprattutto nel momento in cui fa rientrare in campo David Arquette, Neve Campbell e Courteney Cox. (MYmovies.it)

Attenzione: l'articolo contiene spoiler. Scream: la spiegazione del finale, i riferimenti al primo film e l’identità di Ghostface. Ovviamente, l’abbiamo segnalato con l’apposito tag, l’articolo su Scream che state per leggere è ricco di spoiler relativi alla trama, al finale e all’identità di Ghostface in questo quinto capitolo della saga cominciata nel 1996 col primo dei quattro film diretti dal compianto Wes Craven e sceneggiati da Kevin Williamson. (BadTaste.it)

Il numero di telefono fornito ai parenti dall’ospedale squilla a vuoto costantemente poiché il lavoro in corsia non dà tregua e una volta varcata la soglia del Pronto Soccorso dei parenti malati non si hanno più informazioni. (Sardegna Reporter)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr